Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: se il freddo vi fa paura, preparate i cappotti. L’OPEC non vi riscalderà…



La Redazione Articolo pubblicato il 21/10/2021 09:00:00
Il vero problema, tuttavia, è che i produttori di petrolio non vedono l’inverno come un problema e sono molto più preoccupati da un possibile eccesso di offerta nel corso dell’anno venturo.

 

I prezzi alle stelle del gas naturale, del carbone e dell'elettricità stanno esercitando ulteriore pressione sui mercati petroliferi aumentando la domanda poiché le industrie e i produttori di energia cercano di passare ai combustibili liquidi per contenere i costi, ma non aspettiamoci che i produttori di petrolio aumentino le forniture più rapidamente durante il prossimo inverno, in quanto quello che potrebbe accadere nel corso del prossimo anno li spaventa più del freddo.

L’abbandono del gas naturale innescherà un aumento della richiesta di greggio pari a 500000 barili giornalieri: questo è quanto si attendono gli operatori di settore praticamente a tutti i livelli, ma i produttori - almeno per ora - sono decisi ad attenersi alla strategia concordata.

La richiesta aggiuntiva potrebbe determinare un aumento dei prezzi del barile e questa è un’ottima notizia per i membri della  OPEC+ che stanno ripristinando i loro bilanci dopo il disastro dell’anno passato, ma non è ancora sufficiente per indurli ad aprire i rubinetti più velocemente di quanto preventivato.

Le previsioni della International Energy Agency sulla richiesta globale di petrolio potrebbero essere uno degli elementi che inducono la OPEC+ a non aumentare la fornitura: i tecnici IEA, infatti, confermano il possibile aumento della richiesta di oro nero ma, allo stesso tempo, indicano il consumo di petrolio dell’ultimo trimestre 2021 ad un livello decisamente inferiore a quello di luglio.

Il vero problema, tuttavia, è che i produttori di petrolio non vedono l’inverno come un problema e sono molto più preoccupati da un possibile eccesso di offerta nel corso dell’anno venturo.

Il ministro dell'Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha dichiarato di essere preoccupato per il passaggio del mercato petrolifero a un surplus di offerta nel 2022 con il conseguente aumento delle scorte: questo, per un produttore di petrolio, è sicuramente un problema e gli analisti OPEC confermano i timori del principe saudita.

La domanda è: “Arriveremo a questo punto?”.  Se la OPEC+ continuerà ad aumentare la fornitura probabilmente si, spiegano gli analisti, ma difficilmente lo faranno in quanto alcuni di loro come Angola, Nigeria e Malesia non sono in grado di far fronte alla richiesta aggiuntiva mentre altri come la Russia si troveranno ben presto nella stessa situazione in quanto, molto probabilmente, non ha mai pompato più di 10,4 milioni di barili giornalieri di greggio e questo sarebbe il suo target produttivo previsto per aprile 2022.

Alcuni suggeriscono che l'incapacità della Russia di aumentare la produzione durante l'estate mostra che è già in difficoltà, anche se i dati del mese di settembre sembrano smentire questa teoria.  

A questo dobbiamo aggiungere i continui ritardi nel ritorno a mercato dell’Iran: in queste condizioni, il surplus previsto per il 2022 è destinato a rivelarsi nulla più che una bolla di sapone.

Ad un primo sguardo potrebbe sembrare che la OPEC+ si rifiuti di aumentare la produzione per godere dei prezzi elevati, ma, se questa fosse la loro posizione effettiva, allora dovrebbero sperare che i prezzi del barile non salgano al punto da soffocare il recupero economico e, di conseguenza, la domanda di oro nero: per ora, la scommessa della OPEC+ sembra essere il protrarsi del recupero dell’economia globale dalla pandemia di covid… 

 

Fonte Bloomberg

 


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli