Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: la OPEC prepara la prossima mossa. E sarà decisiva!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 13/07/2020 08:00:00
Secondo Bob McNally, fondatore della società di consulenza Rapidan Energy Group ed ex funzionario della Casa Bianca, la OPEC+ può seguire il suo programma evitando di inondare il mercato...

 

Il ministro dell’energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha un sogno: vedere la OPEC trasformarsi in una sorta di banca centrale del petrolio.  Il ministro saudita non ha mai nascosto la sua ammirazione per l’ex presidente Fed Alan Greenspan, ed ora, a ben guardare, il Cartello ed i produttori alleati si trovano ad affrontare una sfida che in molte occasioni la stessa Federal Reserve ha affrontato in precedenza, ovvero trovare il modo di non gettare il mercato nel panico in occasione di un inasprimento della strategia operativa, in questo caso, di un allentamento dei tagli alla produzione.

Rispetto ai recenti minimi i prezzi del petrolio sono raddoppiati, ed ora la OPEC+ è pronta a svelare quale sarà la prossima mossa in termini di produzione, perché, con la progressiva rimozione dei lockdown e la conseguente ripresa della richiesta, i produttori sono ormai pronti ad aumentare la produzione, anche se in lieve misura.

Questa road map, tuttavia, potrebbe riservare delle sgradite sorprese, simili a quelle a cui si trovò a far fronte Alan Greenspan sette anni fa, in fin dei conti una seconda ondata di coronavirus potrebbe determinare un nuovo crollo della domanda, e l’eccesso di offerta incombe ancora sul mercato petrolifero, ragion per cui, se la OPEC+ si trovasse ad aumentare la produzione di petrolio proprio in un momento di estrema incertezza, allora i prezzi del barile potrebbero tornare a cedere terreno.

Queste nuvole nere all’orizzonte sono un elemento di cui la OPEC+ dovrà per forza discutere in occasione del meeting del  Joint Ministerial Monitoring Committee (JMMC) che si terrà nella giornata del 15 luglio.

Il ministro dell’energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman

Allentare i tagli

Il JMMC dovrà valutare se mantenere i tagli alla produzione ai livelli attuali (9,6 milioni di barili giornalieri) oppure ridurli a 7,7 milioni di barili giornalieri come da programma.

Secondo alcune fonti di settore, la ripresa della domanda potrebbe indurre i produttori ad abbracciare questa seconda opzione: le compagnie petrolifere russe, ad esempio, si stanno preparando ad aumentare la produzione, e lo stesso ministro dell’energia russo, Alexander Novak, ha sottolineato che non è stata presa nessuna decisione in merito ad una eventuale proroga e che la OPEC+ dovrebbe attenersi alla tabella di marcia concordata in precedenza.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
ETF e Petrolio: perché erano, e sono, un rischio enorme!
Materie Prime
La Redazione 24/04/2020 08:00:00
“In questo momento c’è un enorme costo nello spostare le posizioni ... leggi tutto
Petrolio: la realtà è peggio di quanto possiamo pensare
Materie Prime
La Redazione 26/03/2020 08:00:00
“Il mercato fisico è in sofferenza, è c’è ancora molto dolore ... leggi tutto
Speciale Petrolio. Attenzione: a luglio potrebbe essere Deficit!
Materie Prime
La Redazione 16/05/2020 10:30:00
La performance migliore rimane quella dei distillati, con un volume medio ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli