Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: l’Iran non reagisce all’offerta di Washington
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 22/02/2021 09:00:00
“Noi dobbiamo andare avanti ed implementare la nuova legge, mentre l’altra parte deve intervenire rapidamente e revocare queste sanzioni ingiuste ed illegali, se vogliono che Teheran torni ad onorare l’accordo” (dichiarazione rilasciata ai giornalisti di Reuters da un alto funzionario iraniano).

 

Nei giorni passati Washington ha proposto di rilanciare i colloqui con Teheran volti a ripristinare l’accordo sul nucleare del 2015: la risposta della repubblica islamica è stata particolarmente fredda, se non del tutto assente, con le autorità iraniane che hanno affermato di essere pronte ad invertire il loro operato in ambito di energia atomica solamente quando le sanzioni attualmente in essere saranno revocate.

L’amministrazione Biden ha dichiarato di essere pronta a trattare per riportare entrambe le nazioni nell’accordo del 2015 ma, a quanto pare, Teheran non è rimasta particolarmente soddisfatta ed il ministro degli esteri Mohammad Javad Zarif (nell’immagine a seguire) si è limitato a dichiarare: “Quando le sanzioni saranno revocate annulleremo immediatamente tutte le misure correttive, è molto semplice…”.

Da quando Trump ha abbandonato l’accordo Teheran ha violato lo stesso in più occasioni, installando centrifughe tecnologicamente avanzate ed arricchendo l’uranio portando lo stesso a livelli di purezza superiori a quelli consentiti dal precedente accordo.

Una reale distensione tra le due nazioni non si è mai manifestata, con Washington e Teheran che sono sempre state in disaccordo su chi dovesse fare la prima mossa per rilanciare l’accordo: l’Iran afferma che gli USA devono revocare le sanzioni, come primo passo, mentre gli Stati Uniti vogliono che sia la repubblica islamica a muoversi per prima rispettando gli impegni presi in precedenza.

Un alto funzionario iraniano ha tuttavia dichiarato che Teheran sta valutando l’offerta: “…prima dovrebbero tornare nell’accordo, e da qui si potrà discutere un meccanismo per sincronizzare i vari passaggi.  Non abbiamo mai tentato di realizzare armi nucleari che non fanno parte della nostra dottrina di difesa ed il nostro messaggio è molto chiaro: revocate tutte le sanzioni e date una possibilità alla diplomazia”.

L'Unione europea sta lavorando per organizzare un meeting informale di tutti i partecipanti all'accordo con l'Iran e gli Stati Uniti, con gli ultimi che hanno già segnalato la volontà di partecipare a qualsiasi incontro, ha spiegato un alto funzionario dell’UE.

Ad aggiungere pressione è anche una direttiva iraniana che dovrebbe essere approvata in questi giorni: tale direttiva impedirà il totale accesso degli ispettori ai siti nucleari limitando le ispezioni a pochi siti dichiarati: UE ed USA hanno esortato Teheran ad astenersi da questo passo che, ovviamente, complicherebbe gli sforzi di Biden per ripristinare il patto.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli