Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: l’Asia aumenta le importazioni



La Redazione Articolo pubblicato il 26/11/2021 18:00:00
L'incognita è la quantità di petrolio che verrà rilasciata dagli SPR dei principali importatori della regione e in quale lasso di tempo

 

I dati in arrivo a mercato suggeriscono che, con tutte le probabilità, le importazioni di petrolio dell’Asia sono aumentate, nel mese di novembre, raggiungendo i livelli più elevati del 2021: l’incremento avviene in vista dell’inverno e nonostante la diffusa inquietudine derivante dai prezzi elevati del barile.

Le importazioni relative al mese di novembre del maggior consumatore mondiale di oro nero sono stimate da Refinitiv Oil Research a quota 26,35 milioni di barili, in netto aumento rispetto ai 22, 5 milioni di barili importati nel mese di ottobre.

Per la maggior parte dell'anno le importazioni di greggio dall'Asia sono rimaste sotto tono, tuttavia, la corsa per assicurarsi le forniture di carburante prima dell’inverno ha spinto le raffinerie di tutta l'Asia ad acquistare più greggio per la consegna di novembre, con tutti i principali paesi importatori che dovrebbero aumentare gli arrivi.

La Cina, il più grande acquirente di greggio al mondo, dovrebbe importare 10,47 milioni di barili al giorno a novembre, in aumento rispetto agli 8,9 milioni di barili al giorno di ottobre.  Alcuni elementi, tuttavia, lasciano dubitare che la recente fiammata delle importazioni sia destinata a durare nel tempo, in quanto è probabile che le importazioni siano state potenziate dalla concessione da parte del governo di nuove quote ad alcune raffinerie indipendenti: tali quote dovranno essere sfruttate entro la fine dell’anno; questo ha condotto a un'ondata di acquisti da queste raffinerie, in particolare di greggio ESPO russo, che ha visto i premi spot salire ai livelli più elevati da gennaio 2020.

Un altro fattore che potrebbe influenzare le importazioni cinesi nel primo trimestre del prossimo anno è impossibile rilascio di parte delle riserve strategiche (SPR): sino ad ora Pechino non ha dichiarato se effettivamente si unirà agli USA in questa operazione e questo genera una notevole incertezza a mercato, nonostante gli operatori ritengono probabile un intervento del colosso asiatico al fine di raffreddare il mercato petrolifero.

L'India, il secondo importatore di greggio dell'Asia, si è impegnata a rilasciare 5 milioni di barili attualmente nelle SPR, ovvero circa 161000 barili giornalieri: tale volume non avrebbe un impatto significativo sulle importazioni della nazione attualmente stimate in 4,41 milioni di barili giornalieri nel mese di novembre (4,04 milioni di barili giornalieri le importazioni del mese di ottobre).

Il Giappone, il terzo più grande acquirente di greggio in Asia, rilascerà circa 4,2 milioni di barili dalle SPR, con le importazioni della nazione che dovrebbero attestarsi, a novembre, a quota 3,04 milioni di barili giornalieri (2,54 milioni di barili giornalieri le importazioni del mese di ottobre).

Anche la Corea del Sud, il quarto importatore di greggio dell'Asia, si unirà all'iniziativa degli Stati Uniti, ma deve ancora confermare la quantità di petrolio che rilascerà dalle riserve; le importazioni della Corea del Sud ammontano a 2,95 milioni di barili giornalieri nel mese di novembre (2,7 milioni di barili giornalieri le importazioni del mese di ottobre).

Nel complesso, le importazioni di greggio dall'Asia a novembre riflettono una domanda più forte prima dell'inverno e una ripresa in corso dal peggio della pandemia di coronavirus.

L'incognita è la quantità di petrolio che verrà rilasciata dagli SPR dei principali importatori della regione e in quale lasso di tempo.

 

Fonte Reuters

 


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli