Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: in calo la produzione USA



La Redazione Articolo pubblicato il 06/01/2021 15:00:00
I principali produttori onshore del Texas e del Nord Dakota hanno registrato guadagni modesti nel mese poiché alcune società hanno riavviato parte della produzione interrotta in precedenza a seguito del recupero delle quotazioni del barile.

 

La produzione di petrolio degli Stati Uniti è diminuita di oltre 2 milioni di barili al giorno, nel mese di ottobre, in quanto i prezzi contenuti e la domanda in fase di stallo a causa del protrarsi della pandemia di coronavirus hanno gravato sull’attività produttiva: questo è quanto mostra un report del governo statunitense diffuso nei giorni passati.

Il rapporto ha suggerito che la domanda di greggio nella più grande economia del mondo è rimasta al di sotto dei massimi di inizio 2020 e la produzione è rimasta sostanzialmente invariata da quando si è palesata la forte riduzione primaverile.

Grafico Petrolio by Tradingview

Negli Stati Uniti, ad ottobre, la domanda complessiva di petrolio è scesa di 2,15 milioni di barili giornalieri, ovvero più del 10% rispetto allo stesso mese nel 2019 (-9,5% il calo della richiesta nel mese di settembre 2020).

La produzione è scesa da una media mensile record di 12,86 milioni di barili al giorno a novembre 2019, con una contrazione particolarmente marcata nel mese di maggio 2020 imputabile al crollo delle attività di perforazione conseguente alla domanda ridotta ed ai prezzi contenuti del greggio.

Nel mese di ottobre la produzione si attestava a 10,42 milioni di barili giornalieri (-442000 barili giornalieri rispetto al mese di settembre 2020) con forti perdite nella fornitura offshore in arrivo dal Golfo del Messico, i cui impianti, inoltre, sono stati attinti da tempeste con intensità molto elevata.

I principali produttori onshore del Texas e del Nord Dakota hanno registrato guadagni modesti nel mese poiché alcune società hanno riavviato parte della produzione interrotta in precedenza a seguito del recupero delle quotazioni del barile.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli