Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: il prezzo del barile spacca in due il Cartello
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 13/03/2018 07:00:06
I prezzi del Petrolio stanno dividendo l’OPEC in due fazioni ben distinte ed ancora una volta lo scontro è tra Arabia Saudita ed Iran

 

I prezzi del Petrolio stanno dividendo l’OPEC in due: da una parte l’Iran che chiede un prezzo controllato a ridosso dei 60 dollari per barile e dall’altra l’Arabia Saudita, che spera in un balzo a 70 dollari.

Ancora una volta il pomo della discordia è la produzione Shale degli Stati Uniti che, a detta dell’Iran, potrebbe aumentare eccessivamente con un barile a 70 dollari causando un tracollo delle quotazioni: la posta in gioco è senza dubbio elevata e consta dell’integrità ai tagli alla produzione che hanno sostenuto le quotazioni del greggio ormai da diversi mesi.

L’Iran vuole che l’OPEC si dedichi a mantenere il prezzo del barile a ridosso dei 60 dollari al fine di contenere l’espansione della produzione Shale, spiega il ministro del Petrolio Bijan Zanganeh (nell’immagine a seguire), ovvero ad un livello di prezzo lievemente inferiore a quello attuale.

“Se il prezzo sale a 70 dollari - spiega Bijan Zanganeh - allora stimolerà ulteriormente la produzione Shale negli Stati Uniti”, ed in questo i produttori Shale sono particolarmente agevolati in quanto la tecnologia da loro impiegata consente di adattare rapidamente il volume estratto in base alle quotazioni del Petrolio.

Per contro l’Arabia Saudita (nell’immagine a seguire il ministro dell’energia saudita Khaled Al Falih) praticamente non perde occasione per calmare le acque ridimensionando l’entità dell’impatto sul mercato della produzione Shale e rimarcando con enfasi come l’alleanza con la Russia rappresenti il più grande baluardo contro l’espansione degli Stati Uniti.

“L’ondata di Shale Oil è in arrivo? Questo non mi fa certo perdere il sonno!”: questo il commento rilasciato dal ministro dell’energia saudita Khaled Al Falih nel mese di gennaio in occasione del World Economic Forum di Davos.

 

A seguire - Break-even price

 

SalvaSalva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli