Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: il Texas sta diventando un problema mondiale
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 19/02/2021 18:00:00
Nel mentre la OPEC+ deve ancora decidere la strategia di mercato per aprile, ma gli ingenti tagli alla produzione praticati sino ad ora lasciano ai produttori del gruppo misto una ampia capacità inutilizzata proprio mentre il mercato chiede a gran voce barili extra.

 

All’inizio era un problema che riguardava una manciata di stati negli USA, ma ora sta divenendo un problema globale: stiamo parlando delle perdite di produzione di petrolio del Texas attribuibili alle condizioni climatiche.

Oltre 4 milioni di barili giornalieri di produzione, circa il 40% della produzione complessiva, sono attualmente offline, secondo gli operatori di settore, ed uno tra i più grandi centri di raffinazione globali ha visto ridursi in modo marcato i flussi acquatici che contribuiscono a movimentare il greggio nella nazione e non solo.

“Il mercato sta sottostimando i volumi di petrolio persi in Texas a causa del maltempo”: questo il commento di Ben Luckock, dirigente di alto livello presso  Trafigura Group.

Quanto sta accadendo si riflette nei prezzi del barile, con il Brent che ha superato per la prima volta in un anno i 65 dollari per barile e con la struttura del mercato che indica chiaramente uno carenza di offerta.

In passato eventi di questo tipo, prettamente climatici, avrebbero avuto un impatto quasi esclusivamente locale, ma ora non più: ora il problema è globale.  I mercati del greggio in Europa si stanno riprendendo mentre i commercianti sostituiscono la fornitura USA andata persa a pochi giorni di distanza dal meeting OPEC+ nel quale sarà deciso se aumentare o meno il flusso a mercato.

Le stime sulla durata delle interruzioni potrebbero variare sensibilmente in quanto gli analisti non hanno ancora un quadro ben chiaro della situazione: più precisamente non hanno ancora indicazioni chiare in merito ai tempi di scongelamento delle infrastrutture e questo vale soprattutto per quelle aree in cui un clima di questo tipo non rappresenta la norma.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli