Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, i prezzi crollano: price cap ai barili russi e produzione di benzina USA scatenano gli orsi



La Redazione Articolo pubblicato il 24/11/2022 09:00:00
La situazione risulta ulteriormente aggravata dalla situazione in Cina, dove l’aumento dei casi di covid 19 si è tradotto in nuove restrizioni in grado di limitare la domanda del maggior importatore di petrolio su base globale

 

Nella sessione di ieri i prezzi del petrolio sono diminuiti di oltre il 3,5%, con le quotazioni del WTI (piazza di New York) che terminano gli scambi a quota 77,94 dollari per barile: a scatenare i venditori i membri del G7 che, stando alle news in arrivo a mercato, hanno chiesto l’applicazione di un price cap sul petrolio russo superiore ai livelli attuali; di rilievo anche i dati sulle scorte di benzina degli Stati Uniti, aumentate ben oltre le attese di mercato.

Le scorte di benzina statunitensi sono aumentate di 3,1 milioni di barili, secondo l'Energy Information Administration, superando di gran lunga i 383000 barili previsti dagli analisti: “L’aumento delle scorte di benzina è stato una specie di shock - afferma Phil Flynn, analista presso Price Futures - l’aumento delle forniture di benzina suggerisce che forse stiamo assistendo a un indebolimento della domanda…”.

Le dichiarazioni rilasciate dalla EIA hanno sempre una grande influenza sui prezzi del petrolio sulla piazza globale e possono generare intense oscillazioni di prezzo che sfruttando le strategie in opzioni si possono tradurre in vere e proprie occasioni di guadagno, esattamente come ci spiega Giancarlo nei suoi corsi: clicca su questo link per scaricare il materiale gratuito.

Le quotazioni del petrolio, inoltre, sono state messe sotto pressione anche dalle news in arrivo a mercato in merito ad un price cap sul greggio russo da parte dei paesi G7 a livelli superiori rispetto a quelli a cui scambia il petrolio attualmente: tale prezzo, secondo alcune indiscrezioni, oscillerebbe in un range compreso tra i 65 ed i 70 dollari per barile a fronte di una quotazione del greggio degli Urali che, on questi giorni, passa di mano tra 62 e 63 dollari per barile (67 - 68 dollari per barile nell’area del Mediterraneo).

Poiché i costi di produzione sono stimati intorno ai 20 dollari al barile, il limite renderebbe comunque redditizio per la Russia vendere il proprio petrolio e in questo modo eviterebbe una carenza di approvvigionamento sul mercato globale; un alto funzionario del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato martedì che il limite di prezzo verrà probabilmente modificato alcune volte all’anno.

La situazione risulta ulteriormente aggravata dalla situazione in Cina, dove l’aumento dei casi di covid 19 si è tradotto in nuove restrizioni in grado di limitare la domanda del maggior importatore di petrolio su base globale.

Grafico Petrolio WTI by Tradingview

Ulteriore pressione è venuta dalle prospettive economiche dell'OCSE che prevedono una decelerazione dell'espansione economica globale il prossimo anno.

A determinare un certo supporto ai prezzi dell’oro nero il fatto che la stessa OCSE non preveda una vera e propria recessione globale e la lettura delle minutes della Fed dove si evince che alcuni funzionari del FOMC ritengono opportuno rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi di interessi.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli