Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: gli USA riducono le stime sull’offerta



La Redazione Articolo pubblicato il 08/04/2021 09:00:00
“È molto difficile che l’industria del settore Oil & Gas statunitense torni ad oltre 13 milioni di barili giornalieri, non credo che accadrà - spiega Vicki Hollub, amministratore delegato di Occidental Petroleum - sarebbero necessari troppi investimenti” (Hollub ha anche affermato che gli USA potrebbero aver superato il picco di produzione di petrolio).

 

Gli Stati Uniti hanno ridotto le previsioni relative alla produzione di petrolio per il prossimo anno proprio mentre l'OPEC ed i produttori alleati hanno deciso di allentare, nel corso dei prossimi mesi, i tagli alla produzione.

La produzione di petrolio degli Stati Uniti dovrebbe raggiungere gli 11,04 milioni di barili al giorno quest'anno, in calo rispetto alle previsioni del mese scorso (11,15 milioni di barili giornalieri) a causa della perdita di output indotta dalle condizioni climatiche avverse palesatesi a febbraio, quando un’ondata di gelo ha bloccato l’industria petrolifera del Texas; la stima è stata diffusa dalla Energy Information Administration, i cui tecnici hanno anche ridotto le previsioni relative al 2022 di 100000 barili giornalieri.

La revisione a ribasso sulla stima relativa alla produzione di greggio è stata indotta - anche - dalla riluttanza di Wall Street a finanziare le imprese che, a loro volta, si concentrano sempre più sul fornire un ritorno economico agli investitori tralasciando l’aumento della produzione.

“È molto difficile che l’industria del settore Oil & Gas statunitense torni ad oltre 13 milioni di barili giornalieri, non credo che accadrà - spiega Vicki Hollub, amministratore delegato di Occidental Petroleum - sarebbero necessari troppi investimenti” (Hollub ha anche affermato che gli USA potrebbero aver superato il picco di produzione di petrolio).

La decisione presa dalla OPEC+ di ridurre i tagli alla produzione conferma la fiducia del gruppo nelle possibilità della ripresa economica globale e nell’aumento delle quotazioni del petrolio i cui prezzi hanno guadagnato oltre il 35% negli ultimi quattro mesi.

Nonostante le stime della Energy Information Administration, probabilmente la produzione di greggio degli Stati Uniti aumenterà modestamente, rispetto ai livelli attuali, una previsione che trova conferma nel costante aumento delle piattaforme di perforazione attive che, nella passata settimana, hanno raggiunto il livello più elevato in un intero anno, nonostante siano ancora al di sotto del 50% rispetto all’inizio della pandemia.

Poiché è improbabile che gli Stati Uniti riportino l'offerta ai livelli pre-pandemici, alcuni osservatori di mercato non si aspettano che le forniture globali di greggio crescano abbastanza velocemente da soddisfare la domanda man mano che le vaccinazioni proliferano e le economie riaprono.

 

Fonte e grafico Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli