Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: cosa ci aspetta nel 2021
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 08/01/2021 12:00:00
Secondo gli interpellati, la nuova variante del coronavirus identificata nel Regno Unito rischia di tradursi in nuove restrizioni da parte dei governi che potrebbero sfociare in veri e propri lockdown, due elementi che inevitabilmente limiteranno eventuali exploit rialzisti nei prezzi del petrolio.

 

Nel 2021 difficilmente assisteremo ad un buon recupero delle quotazioni del petrolio in quanto il mutare del coronavirus e le conseguenti restrizioni implementate dai governi continueranno a gravare su una domanda di carburanti già estremamente debole: questo è quanto si evince da un recente sondaggio condotto da Reuters nella seconda metà di dicembre su un campione di 39 tra economisti ed analisti.

In termini di prezzo, gli intervistati ritengono plausibile un Brent ad una media di 50,67 dollari per barile nel 2021: se paragonato al risultato del sondaggio precedente - novembre 2020 - si tratta di un lieve incremento, in quanto all’epoca la media prevista era di 49,3 dollari per barile, ma non si rileva praticamente nessuna variazione degna di nota rispetto ai prezzi attuali a ridosso dei 51 dollari per barile.

Grafico Reuters

Per quanto concerne il WTI gli elementi coinvolti nel sondaggio evidenziano una media di prezzo 2021 pari a 47,45 dollari per barile: anche in questo caso si tratta di un modesto incremento rispetto al sondaggio precedente (46,4 dollari per barile), ma con scarse variazioni rispetto ai prezzi attuali (circa 48 dollari per barile).

Secondo gli interpellati, la nuova variante del coronavirus identificata nel Regno Unito rischia di tradursi in nuove restrizioni da parte dei governi che potrebbero sfociare in veri e propri lockdown, due elementi che inevitabilmente limiteranno eventuali exploit rialzisti nei prezzi del petrolio.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli