Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC e alleati aumenteranno la produzione



La Redazione Articolo pubblicato il 02/04/2021 09:00:00
“Il quadro complessivo del petrolio è in fase di miglioramento, in termini di economia e domanda, ed anche se si sono alcuni elementi di incertezza come l’Europa, rispetto all’anno passato, sembra che la traiettoria della domanda sia ancora rialzista elo stesso potrebbe valere per i prezzi” (Michael Lynch, presidente di Strategic Energy & Economic Research).

 

Nella giornata di ieri si è tenuto il tanto atteso meeting OPEC+, terminato con la decisione, da parte dei produttori, di aumentare la produzione di petrolio in modo graduale nel corso dei prossimi tre mesi, una decisione che il mercato ha dimostrato di apprezzare con un aumento delle quotazioni del barile; nel momento in cui queste righe sono scritte il prezzo del petrolio (WTI, piazza di New York) si presenta in aumento di oltre il 2% a ridosso dei 60,5 dollari per barile.

Grafico WTI by Tradingview

Stando alle prime news in arrivo a mercato il nuovo accordo OPEC+ prevede l’eliminazione graduale del taglio alla produzione unilaterale da 1 milione di barili implementato in precedenza dall’Arabia Saudita: nel dettaglio, la produzione sarà aumentata di 350000 barili nei mesi di maggio e giugno, mentre un incremento più consistente di 440000 barili giornalieri diverrà attivo nel mese di luglio.

Il lancio dei vaccini contro il coronavirus ed i precedenti tagli alla produzione hanno favorito un aumento delle quotazioni del greggio, ma il rally ha perso di tono sulle preoccupazioni relative al possibile rischio che corre il consumo a breve termine, una situazione particolarmente sentita in Europa dove la Francia è pronta ad implementare un nuovo lockdown della durata di un mese.

Le forniture, tuttavia, sono attese in calo nella stagione estiva dell’emisfero settentrionale grazie al protrarsi del recupero delle economie dalla pandemia.

“Il quadro complessivo del petrolio è in fase di miglioramento, in termini di economia e domanda, ed anche se si sono alcuni elementi di incertezza come l’Europa, rispetto all’anno passato, sembra che la traiettoria della domanda sia ancora rialzista elo stesso potrebbe valere per i prezzi” (Michael Lynch, presidente di Strategic Energy & Economic Research).

I dati in arrivo da Stati Uniti ed Asia corroborano la teoria della OPEC+ relativa all’allentamento dei tagli alla produzione: negli USA sono aumentate le ore trascorse alla guida ed il numero dei voli, mentre le scorte di petrolio si sono ridotte per la prima volta in sei settimane ed anche la situazione in Asia pare nettamente migliore in alcune aree chiave come Giappone, India e Corea del Sud.

Un quadro più debole, al contrario, è quello che si palesa in Europa, dove la Francia entrerà in un nuovo lockdown a partire dalla giornata di domani in un contesto che vede Italia e Germania estendere le restrizioni in essere; tra le nazioni in rinnovata debolezza anche l’Ontario, dove sarà implementato un nuovo lockdown di circa un mese, ed il Brasile, dove è stata scoperta una nuova variante del virus.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli