Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC: il 2022? Tutta un’altra storia…



La Redazione Articolo pubblicato il 17/09/2021 09:00:00
L’unica cosa su cui le agenzie concordano: nella prima metà del 2022 la OPEC+ dovrà continuare ad essere molto determinata nel mantenere la disciplina ferrea mostrata sino ad ora…

 

Nell’estate 2022 l’offerta di petrolio andrà in crisi: questo è quanto affermano i tecnici OPEC in una recente analisi e sono affermazioni in netto contrasto con le principali agenzie di settore.

La International Energy Agency, la U.S. Energy Information Administration e la OPEC hanno rivisto a rialzo le stime sulla domanda globale di petrolio nel 2022, ma con una grande differenza: le prime due hanno eseguito variazioni modeste, mentre il Cartello ha adottato un tono totalmente diverso.

Gli analisti OPEC prevedono un aumento della domanda di greggio di 4,15 milioni i barili giornalieri, nel 2022, ben 860000 barili giornalieri in più rispetto alla precedente stima.  In questo contesto sono giunte a mercato anche le stime di IEA ed EIA che, rispettivamente a +3,24 e +3,64 milioni di barili giornalieri, si mostrano decisamente inferiori a quelle della OPEC.

La revisione del Cartello non mostra un quadro uniforme, con l’aumento maggiore (1,33 milioni di barili) che si verificherà nel secondo trimestre ed il più contenuto (310000 barili giornalieri) atteso per il quarto trimestre.

A guidare l’aumento della domanda, almeno secondo i tecnici OPEC, saranno la Cina, più in generale la regione asiatica, e l’Europa, con un incremento della richiesta pari a due terzi del totale; in entrambe le regioni la ripresa dei consumi sarà guidata da un netto miglioramento dell’economia imputabile all’efficacia delle misure atte a contenere il covid 19.

La produzione di petrolio, sempre secondo il Cartello, non terrà il passo con la domanda e la OPEC ha ridotto le stime sulla produzione dei membri esterni al Gruppo di 520000 barili giornalieri: si tratta di una stima a breve termine, infatti i tecnici del Cartello addebitano il 50% del crollo produttivo al passaggio dell’uragano Ida, il cui impatto sulle operazioni non dovrebbe estendersi oltre il mese di settembre; ridotta, seppur in misura nettamente minore, anche la stima relativa alla produzione di Europa ed Asia sino al termine dell’anno venturo.

La OPEC, nella sua analisi, ha anche aumentato il fabbisogno mondiale di petrolio prodotto dal Cartello di ulteriori 150000 barili giornalieri, un aumento che vede il suo picco nella seconda metà del 2022.

IEA ed EIA prevedono un periodo prolungato durante il quale i produttori dovranno nuovamente esercitare restrizioni alla produzione.  La IEA indica che il fabbisogno mondiale di greggio OPEC nella seconda metà del 2022 si attesterà al di sopra del volume prodotto ad agosto di soli 570000 barili giornalieri; di parere ben diverso gli analisti OPEC, che indicano un aumento di tale fabbisogno pari a 3,5 milioni barili giornalieri entro il terzo trimestre 2022.

L’unica cosa su cui le agenzie concordano: nella prima metà del 2022 la OPEC+ dovrà continuare ad essere molto determinata nel mantenere la disciplina ferrea mostrata sino ad ora…

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli