Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: Long in un Bearish Market. target ad 83 dollari



Michele Gobbo Articolo pubblicato il 28/03/2018 11:30:18
Mercato complesso quello del petrolio, luogo in cui si sta costruendo un trend long in una fase ancora orso (Michele Gobbo, trader specializzato in Petrolio)

 

In queste settimane sto approfondendo la parola “PLATEAU” perché la nomenclatura utilizzata per descrivere le cose è sempre costruita su concetti profondi, letteralmente dall’inglese all’italiano si traduce con “altopiano”. 

Plateau ricorda molto la parola “platea” ed è possibile associare tale definizione alla parola “pubblico”. Platea ricorda anche il concetto di palcoscenico. Questo concetto è stato approfondito per capire dove ci collocano a mercato le notizie, i media, le politiche e la formazione grafica. Questo è definito concetto di “ALLOCAZIONE”.

Di seguito uno studio su tale principio, ovvero in che modo ci posizionano o meglio in che momento ci posizionano sfruttando la teoria del plagio mediatico. Si evidenzia in foto nel grafico mensile tre plateau o punti di altopiano. L’ indicatore sotto invece si chiama Elliot Wave Oscillator, ritengo tutti gli indicatori utili ma non affidabili in quanto spesso in ritardo.

Come si vede in foto hanno allocato contratti avversi al trend successivo cioè ci posizionano giusti nell’immediato ma non nel futuro. E' palese pensare che, o guadagnano gli emittenti o… guadagnano i traders!

Ho considerato questo aspetto analitico perché a mio avviso siamo in una fase di accumulo per una conseguente distribuzione. Dopo questa parentesi, che sicuramente trova punti di discussione nell’immaginario popolare, cercherò di spiegare qualche concetto di attualità.

BEARISH MARKET - BULL MARKET  Accumulo - Distribuzione

Un mercato è sempre suddiviso in due aree: area bearish “orso” e area bullish “toro”. Chi vende e chi compra. Chi vende, vende a qualcun altro che compra e uno dei due sta sbagliando. I due fattori che generano il mercato creano delle linee definite canali, forze ribassiste e forze rialziste. Inutile dire che il cruccio di ogni investitore sia il top ed il bottom “il massimo ed il minimo”. Di seguito andremo ad analizzare questi due canali che generano a loro volta de i flussi dove si sale e si scende chiamati cicli.

Come si vede in foto il mercato segue il canale di colore blu e viene respinto dal canale rosso cioè più si cresce lungo la vita del prezzo e più la pressione tende ad essere ribassista.

Usiamo una classica gaussiana per delineare circa l'andamento che ha subito il prezzo nel passato e che può farci prevedere circa l'andamento futuro. La gaussiana disegnata non è precisa in quanto nella realtà si sale lenti e larghi e si scende veloci e stretti. Utilizzo questa visione per facilitare l'individuazione del centro di gravità del prezzo e del punto di rottura ipotetico fra bearish e bull market sui cicli di mercato. Questo è il più semplice dei cicli classici. In sintesi sulla base delle mie analisi ci troviamo come si evidenzia in foto in una fase di un classico ciclo bearish “orso” e si evidenziano tre centri di gravità, il primario in bianco orizzontale cioè sul prezzo, e gli altri due sulla linea centrale dei due canali essendo formati da massimi, minimi e centri di gravità.

Praticamente a rottura del livello di massimi del canale rosso si dovrebbe entrare sul centro di gravità del canale blu portando il prezzo in area bull market generando così nuovi massimi, questo chiaramente in forma teorica basata sullo studio del passato che genera supporti e resistenze nel futuro. Ho applicato anche un ciclo più dettagliato detto onde di Kondratiev giusto per avere conferma anche se i cicli k hanno uno spazio temporale di sessanta anni solitamente lo si può considerare attendibile in quanto segue leggi psicologiche e leggi naturali.

Considero tale proiezione ciclica attendibile per il momento in quanto il minimo segnato rientra sui minimi del canale blu e invalida il minimo del canale rosso che avrebbe generato un prezzo in area zero dollari.

In conclusione: credo siamo nella parte bassa di prezzo nonostante il prezzo sfiori i 68 $, in un bearish market, in una fase di accumulo, al momento attuale sta facendo onda 2 short di Elliot formata da ABC correttive dove C dovrebbe creare il bottom a ribasso per la prossima onda 3 long cioè la più estesa ed impulsiva del nuovo ciclo Elliot con target 80-83 $. Il minimo a 26$ dovrebbe aver chiuso il ciclo precedente come dimostrato in questi screenshot. 83$ il centro di gravità del prezzo oltre si entra in area bull market con nuovi massimi.

Esempio di cup handle con tipica figura a zig zag dalla quale solitamente si esce seguendo il trend in ingresso, in questo caso direzione long, il vero breakout sarà sul dinamico di massimi decrescenti.

Il time frame considerato in questo articolo è il mensile.

Dettaglio di Elliot wave 5 di crescita e 3 correttive ABC, il time frame considerato è il settimanale, ovviamente da considerare con cautela in quanto le onde correttive non sono mai state approfondite dettagliatamente da Elliot essendo fasi di panico ed aggressività del mercato poco controllabile. Trovo onda 2 correttiva formata da tre movimenti e onda 1 formata da 5 attendibili allo stato attuale delle cose.

Michele Gobbo #oilwtiswaptraders

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio, speciale Libia: cosa succederà con Haftar 'presidente'?
Redazionale
La Redazione 29/04/2020 18:00:00
Michele Marsiglia, Presidente di FederPetroli Italia, ci spiega cosa c’è nella ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli