Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, Iran: nessun accordo sul nucleare? Nessun problema, export alle stelle!



La Redazione Articolo pubblicato il 16/01/2023 09:00:00
Adrienne Watson, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale alla Casa Bianca, ha affermato che l'applicazione delle sanzioni da parte dell'amministrazione è solida e che i dati macroeconomici dell'Iran lo confermano chiaramente

 

Le esportazioni di petrolio iraniano hanno raggiunto nuovi massimi negli ultimi due mesi del 2022 e stanno iniziando bene il 2023 nonostante le sanzioni statunitensi, una dinamica di mercato resa possibile dall’aumento dei flussi verso Cina e Venezuela.

Da quando, nel 2018, Donald Trump ha posto fine all’accordo sul nucleare siglato nel 2015 sotto l’amministrazione Obama, le esportazioni di greggio di Teheran sono crollate, ma la salita al potere di Joe Biden nel ruolo di presidente degli Stati Uniti e la volontà di ripristinare l’accordo hanno consentito alla Repubblica islamica di incrementare le vendite di oro nero che, stando alle recenti stime degli operatori di settore, hanno raggiunto i livelli più elevati dal 2019 ad oggi nonostante lo stallo dei negoziati e la forte concorrenza del petrolio russo attualmente venduto a forte sconto.

La società di consulenza SVB International ha affermato che le esportazioni di greggio dell’Iran, a dicembre, sono state in media di 1,137 milioni di barili al giorno, in aumento di 42000 barili al giorno rispetto a novembre: "Rispetto all'amministrazione Trump, non c'è stata alcuna seria repressione o azione contro le esportazioni di petrolio dell’Iran - spiega un alto funzionario di SVB - e le vendite di gennaio sono in linea con la forza delle precedenti.  La minore domanda cinese e l'offerta della Russia alla Cina sono state una sfida importante… e la maggior parte del petrolio di Teheran finisce in Oriente, principalmente in Cina.  L’Iran, inoltre collabora anche con il Venezuela e lo aiuta ad esportare il suo greggio”.

Adrienne Watson, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale alla Casa Bianca, ha affermato che l'applicazione delle sanzioni da parte dell'amministrazione è solida e che i dati macroeconomici dell'Iran lo confermano chiaramente: “Non esiteremo ad agire contro chi aggira le sanzioni, quelle relative al petrolio, quelle relative al commercio di missili e droni e quelle relative ai diritti umani”.

Il ministero del petrolio iraniano non ha rilasciato commenti, ma gli ultimi dati disponibili evidenziano che il bilancio statale di Teheran si basa su volumi ancor più elevati di 1,4 milioni di barili giornalieri.

La Cina si propone come il maggior cliente dell’Iran e, per eludere le sanzioni, alcuni operatori di settore affermano che le spedizioni dall’Iran vengono mascherate come carichi in arrivo da altri paesi.  Non è possibile, visto quanto affermato in precedenza, fare una stima precisa dei volumi di greggio iraniano spediti in Cina, tuttavia, alcuni analisti parlano di 1,2 milioni di barili giornalieri nel mese di dicembre, un incremento del 130% rispetto allo steso periodo nell’anno passato.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli