Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: Goldman Sachs rivede a rialzo le stime sui prezzi



La Redazione Articolo pubblicato il 08/06/2022 09:00:00
Il mercato è stato più teso del previsto fino ad aprile poiché l'offerta rimane anelastica al picco dei prezzi, ha affermato la banca di Wall Street

 

Gli analisti di Goldman Sachs hanno rivisto a rialzo le stime di prezzo relative al Brent nel periodo compreso tra la seconda metà del 2022 e la prima metà del prossimo anno portando le stesse a 135 dollari per barile, ovvero 10 dollari in più rispetto alla stima precedente, con le quotazioni del barile che dovrebbero raggiungere il succitato livello affinché l'offerta si normalizzi entro la fine del 2023.

Il surplus creato dall’intervento della politica globale guidato da un modesto calo delle esportazioni petrolifere russe, grandi rilasci dalle riserve petrolifere strategiche e rigorose restrizioni conseguenti al covid in Cina si sta gradualmente esaurendo con la domanda di Pechino in aumento e la produzione russa in ulteriore contrazione a causa delle sanzioni UE (i leader dell'Unione Europea hanno recentemente concordato un embargo sulle importazioni di greggio russo che entrerà in vigore entro la fine del 2022, con l'obiettivo di fermare il 90% delle importazioni suddette entro la fine dell’anno).

L’istituto di credito indica che la produzione di petrolio della Russia potrebbe attestarsi a 9,8 milioni di barili giornalieri entro la fine dell’anno, in netto calo rispetto ai 10,8 milioni di barili giornalieri prodotti a maggio; sempre la produzione di petrolio di Mosca è attesa in lieve recupero nel 2023 a quota 10 milioni di barili giornalieri.

Il mercato è stato più teso del previsto fino ad aprile poiché l'offerta rimane anelastica al picco dei prezzi, ha affermato la banca di Wall Street: "Dal lato della domanda, l'impulso negativo alla crescita globale rimane insufficiente per riequilibrare le scorte ai prezzi correnti e, di conseguenza, riteniamo che i prezzi del petrolio debbano aumentare ulteriormente per normalizzare i livelli insostenibili a cui si attestano le scorte petroliferi globali… “.

 

Fonte Reuters 

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli