Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, Cina: mai così elevate le importazioni dalla Russia



La Redazione Articolo pubblicato il 21/06/2022 09:00:00
Le importazioni dal Brasile sono diminuite del 19% rispetto all'anno precedente a 2,2 milioni di tonnellate, poiché le forniture dell'esportatore latinoamericano hanno dovuto affrontare la concorrenza più economica dei barili iraniani e russi

 

Nel mese di maggio le importazioni di petrolio russo della Cina sono balzate del 55% rispetto allo stesso periodo nel 2021 raggiungendo livelli mai visti in precedenza con l’Arabia Saudita che perde il primo posto nella classifica dei fornitori di Pechino; la realizzazione della performance è stata possibile grazie ai prezzi estremamente ridotti dei barili russi.

Secondo i dati dell'amministrazione generale cinese delle dogane, le importazioni di petrolio russo, comprese le forniture pompate attraverso l'oleodotto dell'Oceano Pacifico della Siberia orientale e le spedizioni marittime dai porti russi dell'Europa e dell'Estremo Oriente, sono state di quasi 8,42 milioni di tonnellate, ovvero circa 1,98 milioni di barili giornalieri, un volume in netto aumento rispetto agli 1,59 milioni di aprile.

I dati indicano che Mosca è in grado di trovare acquirenti per il suo petrolio nonostante le sanzioni occidentali, anche se ha dovuto ridurre sensibilmente i prezzi e, mentre la domanda di oro nero di Pechino risulta in calo a causa delle nuove restrizioni introdotte dal governo a causa del covid, i principali importatori hanno intensificato l’acquisto di petrolio russo a basso costo.

L'Arabia Saudita è stata il secondo maggior fornitore fornitore con 1,84 milioni di barili giornalieri di petrolio destinati alla Cina, un volume in netto calo rispetto ai 2,17 milioni di aprile.

I dati doganali pubblicati lunedì hanno anche mostrato che la Cina ha importato 260000 tonnellate di greggio iraniano, il mese scorso, la terza spedizione di petrolio iraniano dallo scorso dicembre; nonostante le sanzioni statunitensi all'Iran, la Cina ha continuato a prendere petrolio iraniano, di solito spacciato per forniture da altri paesi, con i volumi in ingresso che pesano per circa il 7% delle importazioni totali di Pechino. 

Le importazioni complessive di greggio dalla Cina sono aumentate di quasi il 12%, a maggio rispetto all’anno passato nello stesso periodo, ad totale di 10,8 milioni di barili giornalieri a fronte di una media di 10,3 milioni nel 2021.

La dogana ha riportato zero importazioni dal Venezuela; le importazioni dalla Malesia, spesso utilizzate come punto di trasferimento negli ultimi due anni per il petrolio originario di Iran e Venezuela, sono state pari a 2,2 milioni di tonnellate, stabili rispetto ad aprile ma più del doppio rispetto all'anno precedente.

Le importazioni dal Brasile sono diminuite del 19% rispetto all'anno precedente a 2,2 milioni di tonnellate, poiché le forniture dell'esportatore latinoamericano hanno dovuto affrontare la concorrenza più economica dei barili iraniani e russi.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli