Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, Arabia Saudita e Russia sono perentori: rispettate i tagli alla produzione!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 16/10/2020 12:00:00
Secondo Tarek Fadlallah, amministratore delegato dell'unità mediorientale di Nomura Asset Management, sta diventando sempre più difficile, per i produttori, attenersi ai massimali di fornitura con le loro economie sotto pressione.

 

Il leader de facto dell'Arabia Saudita, il principe ereditario Mohammed Bin Salman, ed il presidente russo Vladimir Putin hanno letteralmente ordinato agli altri produttori OPEC+ di rispettare i tagli alla produzione, in quanto i prezzi del barile sono sottoposti a grande pressione dal protrarsi della pandemia di Covid-19 ed una totale conformità alla strategia è l’unico modo per tentare di mantenere il mercato in equilibrio.

I due leader hanno parlato nella giornata di martedì, analizzando gli sforzi effettuati sino ad ora per bilanciare domanda ed offerta nel mercato petrolifero globale e per rilanciare l’economia mondiale; secondo quanto riferito da SPA - l’agenzia stampa ufficiale saudita - i leader si sono mostrato concordi sull’importanza di un totale rispetto, da parte dei produttori, degli accordi OPEC+, una conformità che porterà vantaggio sia ai produttori che ai consumatori.

Grafico Brent by Tradingview

Con i nuovi focolai di coronavirus in Europa e nelle Americhe che pesano sulla domanda, molti operatori di settore iniziano a chiedersi se davvero la OPEC+ seguirà la sua tabella di marcia che prevede un aumento della produzione di circa 2 milioni di barili giornalieri a partire da gennaio 2021, un incremento inserito in un piano di più ampio respiro volto alla riduzione dei tagli alla produzione.

La OPEC+ deciderà e comunicherà la decisione finale in merito alla produzione al termine del meeting che si terrà nelle giornate del 30 novembre ed 1 dicembre 2020.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli