Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: Arabia Saudita contro Wall Street Journal. Il balletto delle smentite.



La Redazione Articolo pubblicato il 22/11/2022 09:00:00
“È noto che l'OPEC+ non discute alcuna decisione prima della riunione”: questo il commento del ministro dell'Energia dell'Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, che nega con forza le indiscrezioni riportate dal WSJ

 

Il Wall Street Journal parla di un possibile aumento della produzione di petrolio da parte della OPEC+, ma l’Arabia Saudita smentisce: cosa sta succedendo nel mercato petrolifero?

L’Arabia Saudita ha rilasciato una - piccata - dichiarazione dove smentisce senza mezzi termini la possibilità di un aumento della produzione di petrolio da parte della OPEC+ mentre, secondo l’agenzia stampa statale SPA, potrebbe al contrario implementare ulteriori misure per bilanciare il mercato in caso di un uovo calo delle quotazioni del barile.

Il Wall Street Journal, in un recente articolo, ha affermato che la OPEC+ potrebbe aumentare la produzione di circa 500000 barili giornalieri nel corso del meeting del 4 dicembre 2022, ma la risposta deo sauditi non si è fatta attendere.

Le dichiarazioni rilasciate dall'OPEC hanno sempre una grande influenza sui prezzi del petrolio sulla piazza globale e possono generare intense oscillazioni di prezzo che, ad esempio, sfruttando le strategie in opzioni si possono tradurre in vere e proprie occasioni di guadagno, esattamente come ci spiega Giancarlo nei suoi corsi: clicca su questo link per scaricare il materiale gratuito.

“È noto che l'OPEC+ non discute alcuna decisione prima della riunione”: questo il commento del ministro dell'Energia dell'Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, che nega con forza le indiscrezioni riportate dal WSJ. 

I prezzi del petrolio, subito dopo l’annuncio del Wall Street Journal, hanno ceduto oltre il 5% scendendo al di sotto degli 83 dollari per barile ma, dopo la smentita dei sauditi, hanno recuperato parte delle perdite.

Nel mese di ottobre la OPEC+ ha deciso di ridurre drasticamente gli obiettivi di produzione e, in un momento come questo in cui le quotazioni del petrolio sono affette da una certa debolezza, sarebbe alquanto insolito vedere la colazione di produttori aumentare la produzione.

Il principe Abdulaziz ha anche affermato che l'OPEC+ è pronta a ridurre ulteriormente la produzione, se necessario: "L'attuale taglio di 2 milioni di barili al giorno da parte dell'OPEC+ continua fino alla fine del 2023 e se è necessario adottare ulteriori misure riducendo la produzione per bilanciare domanda e offerta, rimaniamo sempre pronti ad intervenire”.

Il WSJ ha affermato che si è parlato di un aumento della produzione dopo che l’amministrazione Biden ha riferito ad un giudice della corte federale che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman dovrebbe avere l'immunità sovrana da una causa federale degli Stati Uniti relativa all'uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi.  La decisione sull'immunità equivaleva a una concessione al principe Mohammed, rafforzando la sua posizione di sovrano de facto del regno dopo che l'amministrazione Biden ha cercato per mesi di isolarlo, ha affermato il giornale.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli