Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Oro: l’inflazione continua a sostenere i prezzi



La Redazione Articolo pubblicato il 14/04/2022 12:00:00
Foster e Casanova hanno affermato che l'oro continua a ricevere supporto dal conflitto in Ucraina con le sanzioni occidentali alla Russia che potrebbero avere un impatto sulle riserve della banca centrale globale

 

Anche se la Federal Reserve e le altre banche centrali dovessero continuare ad inasprire la politica monetaria, i prezzi dell’oro hanno ancora spazio per salire: questo il commento di Joe Foster, portfolio manager, e Imaru Casanova, vice portfolio manager di Van Eck.

Casanova e Foster hanno affermato che, sebbene la Federal Reserve stia cercando di aumentare in modo aggressivo i tassi di interesse quest'anno, inclusi due aumenti di 50 punti base nei prossimi due incontri, l'aumento dell'inflazione continuerà a mantenere bassi i tassi di interesse reali per tutto il 2022.

I mercati si aspettano che la Federal Reserve possa essere ancora più aggressiva di quanto suggerito nel verbale della riunione di politica monetaria di marzo, un aspettativa confermata dal CME FedWatch che evidenzia come il mercato stia scontando un aumento dei tassi di interesse pari al 3% entro la fine dell’anno.

Allo stesso tempo, le pressioni inflazionistiche continuano a crescere: martedì l'indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti ha mostrato che l'inflazione annuale è aumentata dell'8,5% a marzo, battendo le aspettative degli economisti, mentre i prezzi dell’oro continuavano la loro ascesa portandosi ai livelli più elevati delle ultime quattro settimane: nel momento in cui queste righe sono scritte (mercoledì 13 aprile 2022 alle ore 17.05) l’oro scambia a quota 1983,5 dollari per oncia.

Grafico Oro by Tradingview

"La Fed deve navigare in acque agitate, rese ancora più difficili dalla guerra in corso. Deve essere sufficientemente aggressiva da avere una reale possibilità di combattere l'inflazione, ma attenta a non lanciare l'economia in una recessione - spiegano Casanova e Foster - in termini di rendimento medio, l'oro ha sovraperformato le azioni statunitensi ed il dollaro USA nei sei mesi e nei dodici mesi successivi al primo aumento del ciclo, anche anche se ha sottoperformato nei mesi precedenti”.

Foster e Casanova hanno affermato che l'oro continua a ricevere supporto dal conflitto in Ucraina con le sanzioni occidentali alla Russia che potrebbero avere un impatto sulle riserve della banca centrale globale mentre le nazioni si diversificano lontano dal dollaro USA: “Secondo BGM Group, l'oro rappresenta meno dell'1% delle attività finanziarie globali e una percentuale relativamente piccola delle riserve totali di diverse grandi economie - spiegano gli analisti - un aumento relativamente piccolo della percentuale delle attività finanziarie globali allocate all’oro tra l’1% o poco meno ed il 2% potrebbe raddoppiare la domanda e, con essa, il prezzo dell’oro".

 

Fonte KitcoNews

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli