Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Oro: c’è aria di Record…
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 10/07/2020 03:00:00
“La possibilità di un permanere dell’oro al di sopra dei 1800 dollari per oncia in corrispondenza di un aumento dei casi di coronavirus, di un dollaro debole e di funzionari Fed scettici sulla forza della ripresa economica statunitense è elevata: a questo punto sembra solo una questione di tempo il test dei precedenti massimi storici” (Warren Patterson, ING Groep NV).

 

Il superamento della resistenza a 1800 dollari per oncia dovuto alle crescenti preoccupazioni in merito allo stato di salute dell’economia globale potrebbero condurre l’oro a registrare un nuovo massimo storico.

I prezzi dell’oro continuano a mostrarsi tonici grazie al continuo esplodere di nuovi focolai di coronavirus che stimola il timore degli investitori nei confronti di una prolungata recessione mondiale, ed alcuni esperti di settore affermano senza mezzi termini che il protrarsi della crisi sanitaria potrebbe tradursi in un nuovo massimo storico per il metallo giallo.

L’intervento di governi e banche centrali è stato senza dubbio intenso, senza precedenti, come affermano molti economisti, ma ulteriori stimoli potrebbero rivelarsi necessari: in questo contesto, spiega Ray Dalio (Bridgewater Associates), gli investitori dovrebbero privilegiare azioni ed oro, tralasciando bonds e cash che offrono una resa negativa con le banche centrali a fare da sfondo con un aumento della stampa di denaro.

Grafico Oro by Tradingview

Loretta Mester, presidente della Federal Reserve Bank di Cleveland, ha affermato che i dati recenti sulla diffusione del coronavirus negli Stati Uniti hanno sollevato ulteriori rischi al ribasso per la ripresa economica: negli USA il numero di infetti ha superato i 3 milioni, ossia oltre il 25% del totale globale; in linea con la view di Mester è il presidente della Fed di Atlanta, Raphael Bostic, che parla di possibili nuovi interventi in termini di politica monetaria e/o fiscale.

“La possibilità di un permanere dell’oro al di sopra dei 1800 dollari per oncia in corrispondenza di un aumento dei casi di coronavirus, di un dollaro debole e di funzionari Fed scettici sulla forza della ripresa economica statunitense è elevata: a questo punto sembra solo una questione di tempo il test dei precedenti massimi storici” (Warren Patterson, ING Groep NV).

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Oro: qualcosa di grosso bolle in pentola…
Materie Prime
La Redazione 11/02/2020 12:00:00
Sostanzialmente i commercials si stanno rendendo conto che ora le banche ... leggi tutto
Oro: se questa previsione è esatta, è ora di comprare a mani basse!
Materie Prime
La Redazione 08/04/2020 10:00:00
“Basandomi sul modello storico degli anni ’70 e sulla stagflazione, credo ... leggi tutto
La Fed non può stampare ORO.  E l’ORO schizzerà alle stelle!
Materie Prime
La Redazione 23/04/2020 10:00:00
“Con la brusca contrazione della produzione economica, le spese fiscali aumentano, ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli