Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Italia e siccità. Gli agricoltori hanno un altro problema: l’acqua di mare



La Redazione Articolo pubblicato il 01/07/2022 12:00:00
Il flusso di acqua di mare nel Po rende praticamente impossibile l’irrigazione in alcune aree di quello che è noto per essere il cuore del settore agricolo italiano, in quanto l’acqua salata “brucerebbe” i prodotti coltivati già danneggiati dalla siccità

 

La peggior siccità in 70 anni ha fatto si che gli agricoltori italiani si trovino ad affrontare un nuovo problema: il rifluire dell’acqua salata del mare Adriatico nel Po, il fiume più lungo d’Italia, un evento che potrebbe danneggiare ulteriormente le coltivazioni già messe a dura prova dalla terribile siccità e dall’ondata di caldo che caratterizza questi giorni.

Il flusso di acqua di mare nel Po rende praticamente impossibile l’irrigazione in alcune aree di quello che è noto per essere il cuore del settore agricolo italiano, in quanto l’acqua salata “brucerebbe” i prodotti coltivati già danneggiati dalla siccità.

A circa quattro chilometri dal punto in cui il Po incontra il mare nel paesino di Scardovari, nel nord-est dell'Italia, le onde si infrangono attraverso le barriere antisaline e si spingono a valle: "Si vede cosa succede, l'acqua salata entra nella falda freatica. Ci sono parti dei campi senza piante e altre dove crescono regolarmente - spiega Giancarlo Mantovani, direttore del Consorzio di bonifica del delta del Po - se non ci saranno piogge nei prossimi 10 o 15 giorni, i raccolti non ancora persi andranno persi. In questa fase, stiamo progressivamente perdendo il raccolto”.

Il Po si estende per oltre 650 km da ovest a est attraverso il nord Italia, una regione che rappresenta circa un terzo della produzione agricola del paese e sta subendo gli effetti della mancanza di neve invernale aggravati dalla recente siccità e dalle temperature elevate.  In queste condizioni, ampie aree di banchi di sabbia giacciono esposte su tratti del fiume quando il livello dell'acqua diminuisce e il suo flusso rallenta, rendendo più facile l'ingresso dell'acqua di mare.

Significative le parole di Federica Vidali, imprenditrice agricola, che afferma: “Senza pioggia, la portata d'acqua del Po è notevolmente diminuita e quindi non è sufficiente per contrastare la risalita dell'acqua di mare nel fiume. Ciò significa che nei nostri canali irrigui abbiamo acqua salata non adatta all’irrigazione”.

Vidali è anche impegnata nella produzione di miele ed afferma che la siccità attuale sta danneggiando anche questo settore e si dice molto preoccupata per la situazione in essere ed afferma: "Cerco di essere ottimista, ma nel momento in cui non piove e vedi l'intero anno di lavoro perso, hai paura…”.

Le prospettive sono altrettanto deprimenti nell'entroterra della provincia di Pavia, vicino a Milano, dove semplicemente non c'è abbastanza acqua disponibile per sopperire alla mancanza di pioggia ed a descrivere la situazione troviamo l’agricoltore locale Luigi Ferraris che spiega: “Il riso si raccoglie a settembre e ottobre, abbiamo ancora luglio e agosto davanti a noi, due mesi caldi, la mia preoccupazione è che se non piove… Non sto dicendo che sia una catastrofe, ma ci siamo quasi…”.

La minore produzione di quest'anno avrà un impatto sulla fornitura del prossimo anno e sul riso utilizzato per la semina, ha affermato Ferraris, prevedendo che la crisi causata da questa siccità continuerà per almeno due anni.

 

Fonte Reuters


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli