Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Il Rame invia un messaggio ai mercati: l’economia non ce la fa più…
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 14/08/2019 11:30:33
Nel corso dell’anno il prezzo del Rame si è mosso in una serie di alti e bassi guidati essenzialmente dalle news in arrivo a mercato in relazione alla guerra commerciale tra USA e Cina, ma ora questi alti e bassi si sono trasformati in vere e proprie montagne russe!

 

Nel corso dell’anno il prezzo del Rame si è mosso in una serie di alti e bassi guidati essenzialmente dalle news in arrivo a mercato in relazione alla guerra commerciale tra USA e Cina, ma ora questi alti e bassi si sono trasformati in vere  e proprie montagne russe!

L’attenzione degli operatori è sempre rivolta al caos determinato dalla tensione commerciale tra Washington e Pechino, le due maggiori economie al mondo, ed il Rame continua a mostrarsi un elemento indispensabile a livello industriale, dalla produzione di autovetture ai macchinari industriali alla produzione di componenti elettronici avanzati.

“Quello che i dati finali ci dicono è che la domanda da parte degli utilizzatori finali è debole ed in alcuni casi è letteralmente nulla - spiega Oliver Nugent, analista presso Citigroup - e l’economia cinese, fortemente concentrata sul settore industriale, è debole come non è mai stata nella storia recente”.

Nella giornata di lunedì 5 agosto il prezzo del Rame ha violato un trading range che perdurava da luglio 2018 e le quotazioni, nella loro discesa, hanno lambito i livelli più bassi in due anni.

Grafico Rame by Tradingview

I metalli di base sono in crisi? A seguire sei grafici che ci aiuteranno fare chiarezza…

 

Settore manifatturiero in difficoltà

Anche se sono stati lambiti i livelli di prezzo più bassi degli ultimi due anni, le quotazioni del Rame non tengono il passo con il forte calo della produzione globale palesatosi nel corso dell’anno, ragion per cui gli analisti di Macquarie prevedono ulteriori cali con i prezzi del prodotto che si riallineeranno alle tendenze in atto.

 

Cina

Il rallentare della produzione industriale cinese è decisamente significativo per il Rame, con l’utilizzo del prodotto da parte dei principali consumatori mondiali che si contrae per la prima volta dal 2015: i dati sono forniti da Citigroup, i cui analisti prevedono che la richiesta di Rame della Cina sarà la più debole da prima del 2000.

 

Rischio recessione

Gli analisti si mostrano intimoriti anche dalla crescita USA, con alcuni indicatori della Federal Reserve di New York che vedono ai livelli più elevati dal 2008 il rischio di recessione nei prossimi 12 mesi. 

La crescente tensione commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe costare all’economia globale circa 1,2 trilioni di dollari, secondo uno studio di Bloomberg Economics, e gli economisti di Morgan Stanley prevedono una recessione globale entro i prossimi nove mesi nel caso in cui la guerra commerciale - con i relativi dazi - dovesse estendersi ai prossimi 4/6 mesi.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli