Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Gas Naturale: l’Europa riempie i depositi, ma la Russia rimane fondamentale



La Redazione Articolo pubblicato il 15/06/2022 09:00:00
Il gas rappresenta oltre il 20% del consumo energetico dell'UE, riscalda le case, genera elettricità e viene utilizzato nella produzione di prodotti vitali come i fertilizzanti

 

Anche se l’Europa sta riempiendo sempre più i siti dedicati allo stoccaggio delle scorte di gas naturale, l’inverno rimane una minaccia ed i governi, per forza di cose, dovranno essere pronti ad implementare il razionamento del prodotto mentre tentano di aumentare la fornitura di GNL al fine di favorire l’allontanamento dalla fornitura russa e, nel mentre, le famiglie continueranno ad essere messe a dura prova dal vertiginoso aumento dei prezzi che pesa sulle prospettive economiche dell’intero blocco.

L'Unione Europea mira a porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili russi entro il 2027, ma Mosca ha già tagliato i flussi di gas verso Bulgaria, Polonia, Finlandia, il fornitore danese Orsted, l'azienda olandese Gasterra e Shell, per i suoi contratti tedeschi, a causa del rifiuto dei suddetti elementi di pagare il gas in rubli.

L’Europa, che dipende da Mosca per il 40% della fornitura di gas, mira a riempire i siti dedicati allo stoccaggio all’80% entro novembre, rispetto all’attuale 50%, al fine di soddisfare il picco di domanda invernale e, secondo molti analisti, si tratta di un progetto realizzabile anche a fronte della necessità di colmare la carenza di fornitura tramite l’acquisto di GNL, una necessità che diverrà ancor maggiore nel caso in cui la Russia dovesse decidere di tagliare i flussi verso altri clienti UE (attualmente Mosca afferma di adempiere appieno agli obblighi contrattuali e che non vi è la necessità di interrompere la fornitura ad altri acquirenti).

Grafico Gas Naturale Europa by Tradingview

“Un arresto completo dei flussi russi sarebbe senza dubbio lo scenario peggiore per l’Europa. per questo inverno, poiché è improbabile che il continente sia in grado procurarsi una fornitura sufficiente da altri produttori per compensare un'interruzione così significativa dell’approvvigionamento" (Leon Izbicki, Energy Aspects).

Anche prima del conflitto in Ucraina, la domanda di gas in Europa si mostrava in forte aumento a causa del recupero post pandemia con il mercato del GNL già in fase di forte carenza di offerta.

I dati diffusi da Refinitiv evidenziano che l’UE ha aumentato le importazioni di GNL di circa il 58% nei primi cinque mesi del 2022 rispetto allo stesso periodo nel 2021, un incremento determinato dall’espandersi della capacità produttiva e di esportazione degli USA i cui flussi verso l’Europa sono stati favoriti dall’aumento dei prezzi in loco.

Gli Stati Uniti, uno dei principali produttori di GNL, hanno promesso di aiutare l'Europa con più spedizioni, ma la capacità ricettiva del Vecchio Continente è limitata e, ora, Freeport LNG - che gestisce uno tra i più grandi impianti di esportazione degli USA - ha dichiarato che saranno necessari almeno 90 giorni per rimediare ai danni causati da una recente esplosione.

“Se l’Europa entrasse nella stagione invernale contando solamente sulla fornitura di GNL potrebbe andare incontro a problemi significativi”, spiega Evangeline Cookson, analista di ricerca e meteorologo presso Marex Spectron, in quanto la fornitura a mezzo gasdotto può essere incrementata velocemente, mentre le spedizioni di GNL possono richiedere settimane ed essere interrotte in caso di eccessivo maltempo (la National Oceanic Atmospheric Administration degli Stati Uniti ha affermato il mese scorso che c'era una probabilità del 65% di una stagione degli uragani atlantici superiore al normale).

La Germania, che storicamente ha fatto affidamento sulla Russia per circa la metà del proprio fabbisogno di gas, ha già lanciato piani per un sistema di vendita all'asta per aiutare a razionare il gas alle industrie ad alta intensità energetica in caso di interruzione delle forniture; la Francia ha adottato misure per limitare le forniture di gas ai grandi consumatori in caso di eventuali carenze; la Polonia, già tagliata fuori dal gas russo, ha aumentato le importazioni di GNL, ha aperto un collegamento per il gas con la Lituania a maggio e mira ad aprire quest'anno un nuovo gasdotto verso la Norvegia.

Il gas rappresenta oltre il 20% del consumo energetico dell'UE, riscalda le case, genera elettricità e viene utilizzato nella produzione di prodotti vitali come i fertilizzanti.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli