Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Gas Naturale: l’America è in stato di emergenza. Ed i prezzi crollano ancora!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 21/01/2020 08:00:00
Era un freddo giorno d’ottobre, quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump saltò sull’Air Force One: la destinazione era la Pennsylvania...

 

Era un freddo giorno d’ottobre, quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump saltò sull’Air Force One: la destinazione era la Pennsylvania, ed il viaggio era stato organizzato al fine di incontrare gli esponenti dell’industria del gas naturale.  Sostanzialmente Trump ha partecipato ad un evento di settore, durante il quale ha parlato del sorprendente aumento della produzione di shale gas, con la regione degli Appalachi che ha guidato l’espansione dell’intero settore consentendo agli USA di divenire il maggior produttore di gas su base globale in un contesto che ha visto ridursi i prezzi per i consumatori nazionali e che ha ufficialmente decretato la fine dell’industria nazionale del carbone.

Sembra bello, detto così, ma tutto questo ha un lato oscuro: gli shale drillers stanno producendo tanto gas, troppo gas, stanno producendo così tanto gas da sovrastare la domanda, ed i prezzi, per la prima volta dal 2016, sono scesi sotto i 2 $/MMBtu; si tratta di un livello di prezzo critico: i produttori non guadagnano, in queste condizioni, e nel settore fioccano i licenziamenti ed i tagli alla spesa, che raggiungono miliardi di dollari.

Far fronte a questa situazione è molto complicato per l’industria di settore, forse non è solamente complicato, è semplicemente impossibile, perché ci si trova di fronte ad un’ondata di gas in arrivo dai pozzi shale di petrolio siti in Texas e New Mexico e nemmeno le esportazioni di LNG forniscono un po’di sollievo, perché il mercato internazionale continua ad essere molto ben fornito.

Grafico Natural Gas by Tradingview

“L’industria è vittima del suo stesso successo - spiega Devin McDermott, analista presso Morgan Stanley - l’eccesso di offerta non è solo negli USA, è in Europa, in Asia, è in tutto il mondo…”.

I prezzi del gas sono in crisi ormai da tre anni e questo inverno si sta rivelando insolitamente caldo sostenendo le scorte a livelli superiori alla media stagionale; in queste condizioni le attese dei traders sono per un gas che non sarà in grado di superare i 2,6 $/MMBtu nemmeno nei mesi più freddi, quando generalmente si registra un picco della richiesta (secondo McDermott per avere un flusso di cassa libero è necessario un prezzi di almeno 2,5 $/MMBtu).

Gli elementi che evidenziano il disagio presente a mercato sono sicuramente molti, ed uno su tutto è la situazione del colosso Chesapeake Energy: un tempo la società era all’avanguardia nel settore, ma ora lotta con un debito enorme, superiore ai 9 miliardi di dollari.  

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Natural Gas: la tempesta perfetta pronta ad uccidere!
Materie Prime
La Redazione 22/01/2020 08:00:00
I prezzi del Natural Gas in caduta libera hanno creato una ... leggi tutto
Attenzione al Gas: potrebbe finire come il Petrolio!
Materie Prime
La Redazione 13/05/2020 08:00:00
La situazione commerciale europea ha da sempre reso il blocco UE ... leggi tutto
Natural Gas: lasciate ogni speranza o voi che comprate…
Materie Prime
La Redazione 13/01/2020 08:00:00
I prezzi del Natural Gas proprio non riescono a recuperare il ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli