Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Energia verde: in UE il passato è possibile, ma servono investimenti giganteschi



La Redazione Articolo pubblicato il 26/09/2022 09:00:00
Per raggiungere i suoi obiettivi ed abbandonare i combustibili fossili russi entro pochi anni, l'UE avrà bisogno di 30 milioni di veicoli a emissioni zero sulle strade entro il 2030, oltre a pannelli solari su tutte le nuove case entro il 2029, afferma la bozza

 

Liberarsi dalla dipendenza dal gas russo sfruttando le energie green è una impresa impossible per l’Europa? Assolutamente no, ma saranno necessari investimenti per almeno mezzo trilione di euro volti a modernizzare la rete energetica europea: questo è quanto si evince dalla lettura di una bozza di documento in arrivo dall’UE e visionata dai giornalisti di Reuters.

In settimana la Commissione europea renderà noto un piano per la digitalizzazione del sistema energetico europeo e definirà nuove misure di emergenza per domare i prezzi altissimi del gas e aiutare le aziende energetiche a corto di liquidità in vista dell’inverno.

La bozza afferma che da qui al 2030 saranno necessari investimenti nella rete elettrica pari ad almeno 584 miliardi di euro, investimenti che andranno a supportare la prevista rapida diffusione di veicoli elettrici, energia rinnovabile e pompe di calore; di questi circa 400 miliardi di euro sarebbero destinati alla rete di distribuzione e 170 miliardi saranno dedicati alla cosiddetta digitalizzazione della rete energetica, comprese le reti intelligenti che rispondono più rapidamente alle fluttuazioni della domanda e dell'offerta locale, contribuendo a sprecare meno energia e a beneficiare di periodi più convenienti.

"Ridurre le emissioni di gas serra del 55% e raggiungere una quota del 45% di energie rinnovabili nel 2030 può avvenire solo se il sistema energetico è pronto”: questo è quanto si legge nella bozza in riferimento agli obiettivi climatici dell’UE.

Grafico Gas Naturale Europa by Tradingview

I paesi dell'UE sono in gran parte responsabili delle loro politiche energetiche nazionali, sebbene l'UE offra finanziamenti per progetti energetici transfrontalieri e abbia esortato i paesi a incanalare il denaro dell'enorme fondo di recupero COVID-19 del blocco per rendere i sistemi energetici più ecologici.

Per raggiungere i suoi obiettivi ed abbandonare i combustibili fossili russi entro pochi anni, l'UE avrà bisogno di 30 milioni di veicoli a emissioni zero sulle strade entro il 2030, oltre a pannelli solari su tutte le nuove case entro il 2029, afferma la bozza.

Gli investimenti negli aggiornamenti della rete e nelle tecnologie dell'energia digitale renderebbero il sistema più flessibile e lo adatterebbero a una quota maggiore di energia rinnovabile, consentendo ai consumatori di reincanalare l'energia di riserva dai pannelli solari nel mercato o di utilizzare l'elettricità immagazzinata nella loro auto elettrica per alimentare la loro le case.

Il piano d'azione dell'UE, che non include proposte legali, afferma che il blocco proporrà una nuova legislazione il prossimo anno per affrontare i rischi per la sicurezza informatica nelle reti dell'energia e del gas.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli