Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Crisi energetica in UE, Von Der Leyen: UE vuole price cap sul Gas, arrivano le minacce di Putin



La Redazione Articolo pubblicato il 08/09/2022 10:00:00
I Paesi Bassi, che si sono costantemente opposti a un tetto massimo del prezzo del gas, sarebbero disposti ad accettare un provvedimento mirato a colpire il gas di Mosca

 

L’Unione Europea, nella giornata di ieri, ha chiaramente parlato dell’applicazione di un massimale di prezzo sul gas russo, una dichiarazione che ha scatenato le ire di Mosca con il presidente russo Vladimir Putin che ha minacciato di tagliare tutte le forniture di energia nel caso in cui la proposta in oggetto dovesse divenire realtà; una eventuale escalation potrebbe determinare un ulteriore aumento dei prezzi del gas naturale in Europa, un evento che graverebbe ancor di più su famiglie ed imprese già afflitte dalla pesantissima crisi in atto.  

L'Europa ha accusato la Russia di utilizzare la fornitura di gas alla stregua di un’arma come ritorsione verso le sanzioni occidentali: Mosca ha sempre negato una situazione di questo tipo, tuttavia, le parole del presidente Vladimir Putin lasciano intendere tutt’altro, in quanto ha chiaramente affermato che, nel caso in cui venisse implementato un price cap, i contratti in essere potrebbero essere stracciati con l’occidente che, per usare le sue stesse parole, rischierebbe di finire congelato come la coda di un lupo protagonista di una famosa fiaba russa.

Grafico Gas Naturale Europa by Tradingview

Le minacce di Mosca, almeno per il momento, sembrano non intimorire l’UE, con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen che ha affermato che la strada del price cap verrà percorsa fino in fondo: “Proporremo un limite di prezzo per il gas russo - afferma Ursula von der Leyen - dobbiamo tagliare le entrate della Russia che Putin usa per finanziare questa atroce guerra in Ucraina”.

I Paesi Bassi, che si sono costantemente opposti a un tetto massimo del prezzo del gas, sarebbero disposti ad accettare un provvedimento mirato a colpire il gas di Mosca, tuttavia, un ministro ceco ha affermato che tale provvedimento non dovrebbe essere nemmeno discusso.

Il presidente russo da tempo subodorava un evoluzione id questo tipo ed ha sempre affermato che la Russia avrebbe risposto con forza: “Non forniremo proprio nulla, se questo lede i nostri interessi - afferma Putin tirando in ballo anche gli accordi sul grano - non forniremo gas, petrolio, carbone, olio da riscaldamento: non forniremo assolutamente nulla” (l’Europa di solito importa circa il 40% del suo gas e il 30% del suo petrolio dalla Russia).

Eurelectric, organismo che rappresenta l'industria elettrica europea, ha anche criticato i piani per un tetto massimo dell'UE di 200 euro per megawattora sul prezzo dell'elettricità da generatori che non funzionano a gas: “La causa principale del problema è la carenza di approvvigionamento di gas e la nostra dipendenza dai combustibili fossili importati. I governi dovrebbero cercare di affrontare questo problema piuttosto che ricorrere a interventi distorsivi e ad hoc nel mercato elettrico” (Kristian Ruby, Segretario generale di Eurelectric).

 

Fonte Reuters 

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli