Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Commodity Report numero 201
(Pag. 1)



Giancarlo Dall'Aglio Articolo pubblicato il 11/11/2019 07:29:50


Quanto incide l’aspettativa di realizzazione di eventi futuri, nella composizione dei prezzi degli asset di borsa? Se guardiamo l’andamento degli ultimi mesi, rispetto all’attesa di concretizzazione di un accordo reale tra Stati Uniti e Cina, ci accorgiamo che la percentuale di incidenza è alta. I mercati scontano continuamente eventi futuri e spesso lo fanno amplificandone i potenziali effetti. Gli accadimenti geopolitici (Es: il recente attentato alle postazioni petrolifere saudite), oppure gli eventi meteo rilevanti (passaggio di un uragano nel golfo del Messico), di solito muovono i prezzi sempre in eccesso, scontando il cosiddetto “scenario peggiore possibile”. Al contrario, il possibile “deal” tra Stati Uniti e Cina, di cui si parla da mesi, tra dichiarazioni e tweet, è stato sempre interpretato in senso ottimistico rispetto alla reale portata del gioco delle parti, provocando una ascesa consistente e forse esagerata delle quotazioni di borsa dei principali indici USA, mossi dall’attesa del miglior scenario possibile.Tutto ciò si è tradotto anche in buoni dati macro per il mercato del lavoro in USA e, grazie ai discreti numeri dell’ultimo report mensile, le borse continuano a macinare nuovi massimi assoluti quasi ogni settimana. 

Eppure molti analisti continuano a pensare che un rallentamento consistente dell’economia globale sia già in essere e che i mercati siano destinati ad una frenata, in tempi piuttosto brevi. D’altra parte, dal lato europeo, le cose non vanno per il meglio; la Germania prosegue il suo momento difficile, influenzando inevitabilmente il resto dei Paesi UE e l’Italia ci mette del suo, con una manovra economica che sembra perfetta per destabilizzare ulteriormente l’economia già disastrata del Belpaese. 

Questa settimana si apre con la festività del Veteran Day in USA, proseguirà martedì con lo Zew tedesco e mercoledì 13 con l’indice dei prezzi al consumo. Giovedì giornata piena con le vendite al dettaglio cinesi, il GDP dell’Eurozona, i prezzi alla produzione USA e i sussidi settimanali di disoccupazione. La settimana si conclude venerdì 15 con i prezzi all’importazione ed esportazione, l’indice NY Fed Empire State e la produzione industriale. 

S&P-.500

Ftse Mib

Dollar Index

Eur Usd

BTP

British Pound



Potrebbero interessarti anche...
Commodity Report numero 207
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 06/01/2020 12:01:27
Se confrontiamo l’inizio del 2019, con quello del 2020, ci troviamo ... leggi tutto
Commodity Report numero 208
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 13/01/2020 10:39:33
L’inizio del nuovo anno ha subito riservato emozioni per i mercati. ... leggi tutto
Commodity Report numero 209
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 20/01/2020 00:10:15
Nota flash  L’andamento delle commodities agricole dimostra che, quasi sempre, quando c’è ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli