Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Commodity Report del 18 febbraio 2019
(Pag. 1)



Giancarlo Dall'Aglio Articolo pubblicato il 18/02/2019 10:54:08


La scora settimana vi avevo fatto notare come i mercati possano essere contraddittori, nell’analizzare i dati di mercato e reagire in modo apparentemente irrazionale. 

Nell’ultima ottava, la pubblicazione dei dati sulle vendite al dettaglio di dicembre, risultate le peggiori dal periodo della crisi dei mutui subprime, non hanno provocato particolari shock borsistici, come sarebbe stato lecito attendersi. I più attenti avranno fatto 2+2, che in borsa non fa sempre 4; un cattivo dato macro, non sempre provoca reazioni devastanti sui mercati, soprattutto quando può servire a rinforzare le aspettative di ulteriori pause di riflessione della banca centrale, in tema di politica monetaria. 

Le notizie positive arrivano dall’estero e in particolare dal fronte della guerra commerciale tra USA e Cina; i dati sulle importazioni continuano a mostrarsi molto forti, con il secondo risultato migliore in assoluto per quanto riguarda il petrolio e un nuovo record per l’import di Natural Gas, dopo il record relativo allo scorso dicembre. Buoni anche i dati relativi all importazioni di Rame. Anche dal lato dell’export, la Cina appare in salute, grazie a dati superiori alla media degli ultimi mesi. 

Sul fronte europeo continua l’odissea Brexit, mentre La May gioca le ultime residuali carte nella speranza di un accordo favorevole, che sembra sempre più lontano. Continua anche l’avvicinamento alle elezioni Europee, mentre i dati della Commissione Europea  relativi alle proiezioni di crescita dei Paesi UE, relegano l’Italia all’ultimo posto, con un’aspettativa di +0.6% di Pil per il 2019. 

Ed ecco il calendario della settimana per quanto concerne i dati macro più importanti: Lunedì festivo in USA per il President Day.  Martedì 19 lo Zew tedesco, mercoledì 20 la pubblicazione delle minute dell’ultima riunione della Federal Reserve; 

Il clou arriva giovedì con l’indice dei beni durevoli, il Philly Fed, i dati settimanali sui sussidi di disoccupazione, i dati sulla vendita di case esistenti e i leading indicators. Infine venerdì i CPI europei. 

S&P-500

Ftse Mib

Dollar index

Eur usd

BTP



Potrebbero interessarti anche...
Commodity Report del 7 gennaio 2019
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 07/01/2019 10:30:58
L’attenzione degli operatori di mercato, in questa fase, è ormai concentrata ... leggi tutto
Commodity Report del 28 gennaio 2019
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 28/01/2019 11:17:15
Le questioni geopolitiche continuano a tenere banco nel panorama mondiale, condizionando ... leggi tutto
Commodity Report del 16 gennaio 2019
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 16/01/2019 10:54:10
I dati mensili sul lavoro USA pubblicati ad inizio gennaio, hanno ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli