Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Commodities: queste sono quelle da tenere d’occhio nel 2019
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 09/01/2019 10:00:51
Petrolio, Rame, Caffè, Zucchero… Quasi nessuna materia prima si è salvata dal crollo del settore nel 2018, e quindi cosa ci aspetta nel 2019? Scoprilo in questo articolo…

 

Le Commodities sono letteralmente affondate nel 2018, con un marcato declino che ha attinto praticamente tutti i prodotti, dal Petrolio, al Rame, al Caffè, allo Zucchero… E nel 2019? Quali saranno i prodotti da tenere d’occhio? Scopriamolo in questa interessante analisi tratta da Bloomberg.

 

Petrolio

Tra i prodotti che evidenziano i movimenti più intensi troviamo senza dubbio il Petrolio che, dopo aver registrato un massimo quadriennale, è letteralmente crollato in quello che gli analisti definiscono un classico bear market.  A dare il via alla pesantissima tornata di vendite è stato un mix di fattori, tra cui la produzione shale statunitense a livelli record, la concessione da parte degli USA di alcune deroghe sulle sanzioni contro l’Iran e, non ultimo, un intervento da parte di OPEC e produttori alleati percepito dal mercato come di scarso impatto sul mercato di riferimento.

A dare ulteriore forza agli orsi è lo stato di salute dell’economia globale, che si mostra particolarmente incerto.

Le quotazioni del barile, tuttavia, potrebbero riprendere quota, proprio dopo questo tracollo che le ha condotte in un’area ove potrebbero rivelarsi eccessivamente sottovalutate.

In questo 2019 appena iniziato potremmo, ad esempio, assistere ad ulteriori cali della produzione venezuelana, ed inoltre dobbiamo considerare che le deroghe USA relative alle sanzioni contro l’Iran sono puramente temporanee e non tutte potranno essere rinnovate nella revisione delle stesse che si terrà nel mese di maggio 2019.  Di rilievo anche l’ostinazione dei sauditi nel sostenere l’intervento di OPEC ed alleati: il prossimo meeting OPEC si terrà nel mese di aprile, ed i prezzi potrebbero mostrarsi in recupero.

La previsione formulata da Bloomberg per le quotazioni medie del Brent prevede un prezzo di 68 dollari per barile contro gli attuali 58 circa.

 

Oro

I tori hanno iniziato ad interessarsi all’Oro negli ultimi mesi del 2018, ma abbiamo buone ragioni per credere che questa tendenza possa estendersi anche al 2019 in un contesto che vede la Fed perdere almeno in parte la sua aggressività e gli investitori alla ricerca di beni rifugio al fine di contrastare le turbolenze dei mercati finanziari ed il rallentamento dell’economia globale.

In termini tecnici possiamo trovare alcuni elementi di supporto nel breve termine: la media mobile a 50 giorni, ad esempio, è vicina a superare la media mobile a 200 giorni, mentre un rinnovato interesse verso gli ETF aventi il metallo giallo come sottostante condurrebbe le posizioni in essere su questi prodotti ai livelli più elevati dal 2013 ad oggi.

In termini di prezzo gli analisti interpellati da Bloomberg prevedono un prezzo medio di 1325 dollari per oncia nel 2019 contro le quotazioni attuali appena al di sotto dei 1300 dollari per oncia.

 

A seguire - Rame e Soia


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli