Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Commodities: i prezzi torneranno a salire



La Redazione Articolo pubblicato il 15/09/2021 09:00:00
"Sebbene consideriamo i prezzi attuali eccessivi e sebbene l'alluminio sia ipercomprato da un punto di vista tecnico, non vi è ancora alcun segno di inversione di tendenza” (dichiarazione rilasciata dai tecnici di Commerzbank).

 

Dopo quella che potremmo definire una pausa estiva i prezzi delle Commodities tornano a salire: le quotazioni di acciaio ed alluminio hanno stabilito nuovi record e, più in generale, gli indici di settore si attestano a ridosso di massimi pluriennali (vedi grafico a seguire): tutto questo rischia di indurre un rapido aumento dell’inflazione e, inoltre, potrebbe indurre le banche centrali a limitare le massicce misure di stimolo che hanno fornito la base per questo vorticoso aumento di prezzo.

Grafico Bloomberg

La ripresa economica ha indotto un forte aumento della domanda e questa si è combinata con i numerosi problemi di approvvigionamento determinando una generalizzata carenza di offerta in un contesto contraddistinto da un aumento dei costi di trasporto delle merci: in queste condizioni, secondo gli analisti di Goldman Sachs, i prezzi saliranno ulteriormente nel corso dell’anno venturo.

"La domanda di beni fisici ha raggiunto livelli così elevati, superiori al trend pre pandemico in ogni settore eccezion fatta per il petrolio, che il sistema si vede sempre più limitato nella sua capacità di fornire questi beni.  I mercati stanno diventando sempre più esposti a qualsiasi tipo di interruzione dell'offerta o aumento imprevisto della domanda” (Jeff Currie, analista presso Goldman Sachs).

 

Metalli in rally

Le massicce misure di stimolo globale stanno mantenendo forte la domanda di metalli e aiutano il rame a mantenersi a prezzi storicamente elevati in un contesto che vede la Cina limitare la produzione di metalli al fine di ridurre l’inquinamento e la Guinea oggetto di un colpo di stato che minaccia la fornitura di bauxite: quanto accade in Guinea si traduce in un prezzo dell’alluminio di 3000 dollari per tonnellate, in più elevato in 13 anni; in forte aumento anche i prezzi di acciaio e nichel.

"Sebbene consideriamo i prezzi attuali eccessivi e sebbene l'alluminio sia ipercomprato da un punto di vista tecnico, non vi è ancora alcun segno di inversione di tendenza” (dichiarazione rilasciata dai tecnici di Commerzbank).

 

Energy

Le scorte di gas in Europa sono ai livelli più bassi in oltre un decennio e questo ha spinto alle stelle il costo della produzione di elettricità.  La regione sta tentando di incrementare la fornitura in un contesto che vede limitati i flussi dalla Norvegia e particolarmente contenuti quelli dalla Russia.  I futures del gas europei di riferimento sono più che triplicati quest'anno, raggiungendo un record nei Paesi Bassi, e i prezzi dell'energia elettrica in Germania hanno raggiunto i massimi storici.

 

Quelli che non corrono

Non tutte le materie prime vedono i prezzi in forte ascesa: il minerale di ferro è sceso di circa il 45% rispetto al picco di maggio a causa delle restrizioni applicate alla produzione cinese mentre, nel settore agricolo, i futures si sono mossi a ribasso a causa di prospettive sui raccolti migliori del previsto, anche se i prezzi alimentari rimangono ai livelli più elevati in dieci anni.

Stabili i prezzi del petrolio a ridosso dei 70 dollari dopo il recente incremento attribuibile al passaggio dell’uragano Ida negli USA.

Anche in queste condizioni vi è la possibilità che i prezzi per i consumatori aumentino ancora: i dati diffusi nella passata settimana, ad esempio, mostrano un’inflazione di fabbrica che, in Cina, ha raggiunto il livello più elevato in 13 anni.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli