Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Cacao, speciale Venezuela: la nuova Peste? È il governo!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 06/01/2019 10:00:26
I coltivatori di Cacao del Venezuela temono il diffondersi di una nuova peste: quella del governo di Caracas!

 

Freddy Galindo è un commerciante di Cacao del Venezuela e nei suoi 19 anni nel settore delle esportazioni ha dovuto affrontare qualsiasi tipo di problema, dalle rapine durante il trasporto del prodotto, al sequestro di alcuni membri della sua famiglia, al calo della qualità del Cacao commerciato, ma ora si sta preparando ad affrontare una nuova ed inquietante minaccia: l’ingerenza del governo socialista!

I camion colmi di Cacao che hanno lasciato i magazzini di Galindo siti nel centro della nazione sono stati boccati dai militari e trattenuti per giorni ed i conducenti sono stati obbligati a depositare parte del carico nei magazzini del governo: quando i mezzi di trasporto hanno ripreso il loro viaggio mancavano circa 87 tonnellate di Cacao, per un valore di circa 130000 dollari.

Freddy Galindo e la sua merce non sono i soli ad essere finiti al centro delle attenzioni del governo venezuelano, infatti anche altri commercianti operativi nella regione di Miranda hanno subito lo stesso trattamento.

Immagine con fonte Reuters

Il governo venezuelano tenta di addolcire la pillola asserendo che i posti di blocco sono stati appositamente implementati al fine di intercettare attività illegali come il furto del Cacao ed eventuali frodi da parte dei commercianti stessi, ma questo intervento estremamente invasivo ha spaventato produttori ed operatori specializzati, che di fatto temono che il governo voglia “mettere le mani” sull’intero settore.

“I funzionari del governo obbligano le aziende private a consegnare la merce gratuitamente”: questo il commento di Galindo, che sottolinea come nessuna motivazione sia stata fornita al fine di giustificare la confisca del prodotto.

La nazionalizzazione che ha paralizzato il settore petrolifero ed alcune industrie agricole tra cui quella del Caffè e dello Zucchero sembra incombere come una spada di Damocle: di fatto il settore privato controlla ancora la maggior parte del commercio del Cacao, ma il collasso dell’industria petrolifera sta spingendo il governo venezuelano ad aumentare la sua ingerenza nei settori di esportazione alternativi come Cacao ed Oro.

Nello stato di Miranda, spiegano le autorità locali, è stata avviata una società controllata dal governo dove i coltivatori possono vendere il loro Cacao da destinarsi all’esportazione: sino ad ora ad essere spedite sono state 500 tonnellate di prodotto, ossia il 5% delle esportazioni del Venezuela su base annua.

 

A seguire - I coltivatori hanno paura


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli