Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


America in recessione? Secondo Goldman Sachs le probabilità aumentano…



La Redazione Articolo pubblicato il 22/06/2022 12:00:00
“Siamo sempre più preoccupati che la Fed si sentirà in dovere di rispondere con forza all'inflazione primaria elevata e alle aspettative di inflazione dei consumatori se i prezzi dell'energia aumenteranno ulteriormente, anche se l'attività rallenta bruscamente”, conclude lo staff dell’istituto di credito

 

Gli analisti di Goldman Sachs indicano una probabilità del 30% che l’economia statunitense precipiti in recessione nel corso del 2023: si tratta di un netto aumento rispetto alla precedente stima che indicava una probabilità di un evento di questo tipo pari al 15%; a determinare la revisione al rialzo della stima il contesto attuale contraddistinto da inflazione a livelli record e da un quadro macroeconomico indebolito dal conflitto tra Russia ed Ucraina.

La revisione è stata messa in atto dopo che la Federal Reserve ha lanciato il più grande aumento dei tassi di interesse dal 1994 al fine di contenere il forte aumento dell’inflazione, una misura messa in atto anche da altre banche centrali che hanno adottato misure altrettanto aggressive.

Goldman Sachs ha anche declassato le sue stime del PIL statunitense al di sotto del consenso per i prossimi due anni, una revisione a ribasso che riflette la brusca frenata dell’economia.

Grafico SP500 by Tradingview

"La Fed ha anticipato i rialzi dei tassi in modo più aggressivo, le aspettative sui tassi finali sono aumentate e le condizioni finanziarie si sono ulteriormente inasprite e ora implicano un freno sostanzialmente maggiore sulla crescita, un po' più di quanto pensiamo sia necessario” (dichiarazione rilasciata dagli economisti di Goldman Sachs).

Goldman Sachs prevede una probabilità condizionale del 25% che gli Stati Uniti entrino in una recessione nel 2024 nel caso in cui l’evento non dovesse verificarsi nel 2023, aggiungendo che ciò significa che c'è una probabilità cumulativa del 48% di una recessione nei prossimi due anni rispetto alla sua precedente previsione di 35%: “Siamo sempre più preoccupati che la Fed si sentirà in dovere di rispondere con forza all'inflazione primaria elevata e alle aspettative di inflazione dei consumatori se i prezzi dell'energia aumenteranno ulteriormente, anche se l'attività rallenta bruscamente”, conclude lo staff dell’istituto di credito.

 

Fonte KitcoNews

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli