Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: i sauditi prendono il controllo del mercato
(Pag. 2)



La Redazione Articolo pubblicato il 07/01/2021 09:00:00
“Abbiamo la responsabilità di prenderci cura del mercato, ed in più di un’occasione ho persino consigliato di non scommettere contro la nostra determinazione nel perseguire gli obiettivi prefissati: coloro che mi hanno ascoltato ora raccolgono i frutti, mentre agli altri… auguro buona fortuna…” (A. bin Salman).

 

Gli aumenti di produzione concessi a Russia e Kazakistan, che il principe Abdulaziz ha definito necessari per ragioni stagionali, sono andati contro il mantra saudita di lunga data secondo cui tutti i membri dell’OPEC+ dovrebbero farsi carico di una parte della contrazione produttiva (paesi come Nigeria, Iraq ed Emirati Arabi Uniti hanno infatti visto rifiutate le loro precedenti richieste in merito ad un’autorizzazione ad un aumento produttivo).

Il compromesso ha inoltre evidenziato le diverse priorità dei due leader de facto del gruppo misto: i sauditi preferiscono sacrificare le vendite pur di ottenere prezzi del barile elevati, mentre la Russia preferirebbe conservare le quote di mercato difendendole da una nuova incursione dei produttori shale statunitensi.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha definito la mossa dei sauditi un regalo di Capodanno per il mercato petrolifero ma, lo ricordiamo, a porte chiuse aveva chiesto alla sua controparte di non procedere con l’intervento: “ Dal punto di vista della Russia - afferma  Amrita Sen, co-fondatrice di Energy Aspects - se in un mercato da 50 dollari per barile l’Arabia Saudita non è disposta ad aumentare la produzione di mezzo milione di barili giornalieri, quando si deciderà a farlo sarà troppo tardi ed avrà perso quote di mercato”.

L’aumento dei prezzi ha senza dubbio favorito il settore shale statunitense, ma questo non implica per forza di cose un nuovo boom, in quanto le società di settore si sono impegnate nel mettere a disposizione eventuali capitali aggiuntivi per soddisfare il rimborso del debito e dei dividendi.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli