Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Natural Gas: l’Europa sarà sommersa!
(Pag. 2)



La Redazione Articolo pubblicato il 15/10/2020 12:00:00
Questi progetti fanno fronte all’annoso problema della scarsa interconnessione, in termini di gas naturale, tra Europa ed altre regioni produttrici, ma non solo, in quanto rappresentano una sorta di fronte unito ed in espansione contro la Russia.

 

La Russia ora rappresenta circa un terzo delle forniture di gas in Europa, ed il TAP stesso sarà seguito da diversi progetti volti a diminuire la dipendenza dal gas russo, tra cui il Baltic Pipe - che porta il gas dalla Norvegia alla Polonia - e da nuovi terminal LNG progettati per la costa europea.

Questi progetti fanno fronte all’annoso problema della scarsa interconnessione, in termini di gas naturale, tra Europa ed altre regioni produttrici, ma non solo, in quanto rappresentano una sorta di fronte unito ed in espansione contro la Russia.

Ad essere coinvolte nel progetto TAP sono la già citata BP, la controllata statale SOCAR (Azerbaigian), l’italiana Snam SPA, la società belga Fluxys e la spagnola Enagas.

Gli effetti delle nuove forniture sul mercato saranno pienamente visibili dopo un tempo tecnico di sei mesi dall’avvio delle operazioni TAP, ha affermato Elchin Mammadov, analista di Bloomberg Intelligence, ma potrebbe volerci più tempo, poiché la situazione di eccesso di offerta del mercato europeo limiterà la domanda per il gas azero.

Dopo due inverni caldi e la pandemia del coronavirus, la domanda di gas sta calando in tutta Europa, lasciando le scorte ben al di sopra della media stagionale ed i prezzi di riferimento al di sotto della media di 10 anni.

Il "drammatico impatto" delle nuove forniture azere sarà significativo nell'Europa meridionale, secondo Ahmed Hammoudan, commerciante di gas presso l’olandese Eneco, ed anche Huckstepp prevede un mutamento del mercato con un calo dei flussi in arrivo nella regione dalla Russia, un elemento che contribuirà a ridurre ulteriormente lo spread tra i contratti italiani ed olandesi.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli