Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


L’Oro ci manda un chiaro messaggio: il mondo è nei guai!
(Pag. 2)



La Redazione Articolo pubblicato il 28/07/2020 12:00:00
“La crisi di un decennio fa riguardava le banche - spiega Afshin Nabavi, responsabile delle negoziazioni presso MKS PAMP Group che vede l'oro puntare verso i 2.000 dollari - ma questa volta non si vede luce al fondo del tunnel, almeno fino alle elezioni di novembre”.

 

Gli investitori al dettaglio, nel mentre, hanno contribuito a far decollare le partecipazioni in ETF aventi l’oro come sottostante: tali partecipazioni hanno registrato il 18° aumento settimanale consecutivo, la serie più estesa dal 2006 ad oggi, mentre l’oro ha concluso la passata ottava con il settimo guadagno settimanale consecutivo, e gli analisti non si attendono un’inversione di trend a breve termine, con gli esperti di settore che ormai da mesi prevedono un enorme rialzo dell’oro: ad aprile, ad esempio, Bank of America prevedeva un prezzo dell’oro a 3000 dollari per oncia entro 18 mesi.

Gli analisti di Bank of America fornirono la loro audace previsione dopo il calo delle quotazioni dell’oro di marzo, un calo determinato dalla necessità, da parte degli investitori, di reperire liquidità per coprire le perdite registrate in altri asset, ma poco tempo dopo il metallo giallo tornò a mostrare i muscoli dopo il massiccio intervento della Federal Reserve.

Questa non è di certo la prima volta in cui l’oro riceve sostegno dall’operato della banca centrale: da dicembre 2008 a giugno 2011, la Fed ha acquistato 2,3 trilioni di dollari di debito ed ha tenuto i costi di prestito vicino allo zero per cento, nel tentativo di sostenere la crescita, contribuendo a far correre i prezzi dell’oro al precedente  record di 1.921,17 dollari per oncia registrato a settembre 2011.

“La crisi di un decennio fa riguardava le banche - spiega Afshin Nabavi, responsabile delle negoziazioni presso MKS PAMP Group che vede l'oro puntare verso i 2.000 dollari - ma questa volta non si vede luce al fondo del tunnel, almeno fino alle elezioni di novembre”.

 

Fonte Bloomberg


Potrebbero interessarti anche...
ETF e Petrolio: perché erano, e sono, un rischio enorme!
Materie Prime
La Redazione 24/04/2020 08:00:00
“In questo momento c’è un enorme costo nello spostare le posizioni ... leggi tutto
Petrolio: la realtà è peggio di quanto possiamo pensare
Materie Prime
La Redazione 26/03/2020 08:00:00
“Il mercato fisico è in sofferenza, è c’è ancora molto dolore ... leggi tutto
Oro: qualcosa di grosso bolle in pentola…
Materie Prime
La Redazione 11/02/2020 12:00:00
Sostanzialmente i commercials si stanno rendendo conto che ora le banche ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli