Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


UE contro USA. La Mucca Pazza fa paura: le regole non si cambiano!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 14/02/2020 17:45:00
La European Food Safety Authority (l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha concluso che i trattamenti a base di cloro attualmente in uso...

 

Lo spettro della BSE diffusasi negli anni ’90 fa ancora paura e questo significa che, probabilmente, l’Unione Europea rifiuterà le richieste in arrivo dagli USA in merito ad un allentamento delle rigide norme di sicurezza alimentare, e questo nonostante Donald Trump minacci l’applicazione di dazi sul settore automobilistico nel caso in cui il blocco dovesse rifiutarsi di importare volumi più elevati di prodotti agricoli statunitensi.

L’export europeo di prodotti agricoli ed alimentari negli USA vale sino a 12 miliardi di dollari in più rispetto al controvalore dei beni importati, e questo ha condotto il segretario all’agricoltura degli Stati Uniti (Sonny Perdue) a dichiarare che l’UE dovrebbe “…adattare le norme alimentari in modo che queste riflettano le verità scientifiche”, ma pare che, almeno per ora, a Bruxelles non ne vogliano sapere di intervenire in questo senso.

“Gli europei che ricordano la BSE, comunemente definita “sindrome della mucca pazza”, non accetteranno alcun abbassamento degli standard e difficilmente il mondo politico approverà interventi in questo senso - spiega Johan Bjerkem dagli uffici dell’European Policy Centre - ed inoltre non dimentichiamo che stiamo negoziando con Trump, e non sono molti gli europei che provano simpatia per lui”.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Da tempo Donald Trump si lamenta della posizione commerciale dell’UE, una posizione che lui stesso ha definito peggiore di quella della Cina, ed ormai da mesi si ventila la possibilità di una nuova guerra commerciale.

L'UE vieta le importazioni di carne trattata con ormoni della crescita o pollame lavato con acido peracetico, spesso soprannominato "pollo clorurato”: tutte e due sono pratiche estremamente comuni in America.

Washington obietta che alcuni prodotti (ad esempio l’insalata) vengono regolarmente trattati con il cloro e, sempre la Casa Bianca, afferma che le norme UE non sono altro che una cortina di fumo atta a mascherare una politica all’insegna del protezionismo indubbiamente volta a portare vantaggio agli agricoltori europei.

La European Food Safety Authority (l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha concluso che i trattamenti a base di cloro attualmente in uso non rappresentano un problema di sicurezza, mentre lo studio condotto sulla carne trattata con ormoni non conclude affermando chiaramente che non sia sicura, ma specifica che al momento non vi sono elementi sufficienti a dichiarare con certezza il contrario.

La distinzione, spiegano i tecnici della AESA, è molto importante e mette in evidenza il principio di precauzione.

 

A seguire UE: un approccio cauto


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli