Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Terremoto a Wall Street: tutta colpa della Fed!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 11/10/2018 05:25:50
Il più grande sell off su base giornaliera degli ultimi 8 mesi scuote Wall Street. Donald Trump: alla Fed sono impazziti, è tutta colpa loro!

 

Nella sessione di ieri abbiamo assistito al più grande sell off che che abbia mai travolto Wall Street negli ultimi otto mesi: i traders sono intimoriti dall’aumento del rendimento dei Treasuries e dall’esacerbarsi del confronto commerciale tra Stati Uniti e Cina e qual è il risultato di tutto questo? Molto semplice: un crollo di oltre tre punti percentuali da parte dell’SP 500 che termina gli scambi a quota 2773 punti estendendo al 5% il calo dai massimi registrati nel mese di settembre.

Grafico SP 500 by Tradingview

“Probabilmente è l’inizio di una correzione - spiega Oliver Pursche, vice presidente di Bruderman Asset Management - sta venendo giù in attesa degli earnings: la preoccupazione, a dirla tutta, non è tanto relativa ai numeri del terzo trimestre, ma riguarda le prospettive per il quarto trimestre 2018 ed il primo trimestre 2019”.

 

Tutta colpa della Fed?

Non manca, in questa occasione, il commento di un infuriato Donald Trump che, prima di un intervento in Pennsylvania, dichiara che è tutta colpa della Fed che ha alzato i tassi di interesse come se fossero impazziti: “In realtà - chiarisce il presidente degli Stati Uniti - è una correzione che attendevamo da tempo, questo è vero, ma non sono d’accordo con quanto sta facendo la Federal Reserve”.

Gli investitori temono un eccesso di aggressività da parte della Fed e si presentano scettici sulla volontà di sostenere i mercati: una crisi del mercato azionario che dovesse intaccare i risparmi degli americani sarebbe decisamente inopportuna per Donald Trump che, nella giornata del 6 novembre, dovrà affrontare il test delle elezioni di medio termine.

L’SP 500 non è nuovo a questi scossoni e già all’inizio di febbraio scese di circa il 10% rispetto al massimo precedente lasciando intendere che il Bull Market fosse ormai agli sgoccioli, la la politica fiscale implementata da Washington ha consentito a Wall Street di recuperare terreno registrando nuovi massimi.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli