Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Speciale Mais: i fondi coprono gli Short. Di corsa…
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 10/07/2020 10:00:00
Le dichiarazioni del governo statunitense sono giunte a mercato insieme alle previsioni meteo che parlano di un clima secco sulla Corn Belt nella prima parte di luglio, una situazione climatica che contribuito ad un brillante recupero delle quotazioni del prodotto.

 

Nella passata settimana gli speculatori sono stati costretti ad abbandonare - velocemente - le posizioni short sul mais scambiato sulla piazza di Chicago, quando il governo USA ha dichiarato di attendersi una superficie dedicata al prodotto inferiore a quella prevista in precedenza.

Le dichiarazioni del governo statunitense sono giunte a mercato insieme alle previsioni meteo che parlano di un clima secco sulla Corn Belt nella prima parte di luglio, una situazione climatica che contribuito ad un brillante recupero delle quotazioni del prodotto.

Nella settimana terminata il 30 giugno i gestori hanno ridotto la net short position sul mais (futures ed opzioni combinati) ad un totale di 201648 lotti, contro i 277479 lotti della settimana precedente (fonte CFTC).

L’acquisto netto di 75831 contratti sul mais è stato il più elevato in una settimana in poco più di un anno e si colloca tra le prime 20 settimane di tutti i tempi, anche se sembra ben poca cosa in paragone al record attuale di 166189 contratti registrato nella settimana terminata il 21 maggio 2019.

Grafico Mais by Tradingview

Il recente report sulle intenzioni di semina dei coltivatori americani diffuso dall’USDA (il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti), parla di una superficie dedicata al mais pari a 92 milioni di acri, ben al di sotto delle attese di mercato, ovvero 95,2 milioni di acri; gli analisti, in precedenza, avrebbero anche sovrastimato l’area dedicata alla soia di circa 900000 acri, e questo si è tradotto in un aumento della net long position sulla soia che balza a 67836 lotti contro i precedenti 44285 lotti.

L’aumento della richiesta di soia negli USA da parte del principale acquirente, la Cina, ha scaldato il mercato di riferimento, e questa tendenza si è protratta nei giorni a venire, quando il gigante asiatico ha prenotato ulteriori carichi di soia a stelle e strisce.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Speciale Petrolio. Attenzione: a luglio potrebbe essere Deficit!
Materie Prime
La Redazione 16/05/2020 10:30:00
La performance migliore rimane quella dei distillati, con un volume medio ... leggi tutto
Speciale Mais: i prezzi potrebbero crollare!
Materie Prime
La Redazione 03/04/2020 18:00:00
La situazione attuale danneggia gravemente i produttori di etanolo, anche perché, ... leggi tutto
Speciale Natural Gas: questa è la vera situazione del mercato
Materie Prime
La Redazione 08/05/2020 08:00:00
L’eccesso di offera ha determinato un calo ad 1,85 $/MMBtu del ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli