Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Se il banco sbanca
(Pag. 1)



Eugenio Benetazzo Articolo pubblicato il 18/12/2015 15:00:55


Lo sanno in pochi ma la prima vera banca al mondo è stata fondata dai veneziani, a cui anni dopo si sono aggiunti anche i fiorentini ed i genovesi. Si chiamava Banca del Giro, istituita nel 1524 dalla Serenissima Repubblica di Venezia ed era allora considerata come un’istituzione pubblica il cui compito spaziava dalla ristrutturazione e gestione del debito di terzi sino allaraccolta del risparmio privato e la gestione dei pagamenti. Lo scopo di questa banca era fornire supporto e liquidità al mercato di Rialto per contrastare la concorrenza portoghese nel commercio mercantile d’oltremaree soprattutto per garantire solvibilità e certezza nei pagamenti e nei depositi. Qualche toscano potrebbe sollevare che la banca più antica al mondo tutt’ora esistente sia il Monte dei Paschi di Siena che oltretutto venne costituita nel 1472 quindi molto tempo prima del Banco del Giro: in vero all’epoca della sua istituzione il MPS era semplicemente un Monte dei Pegni, quest’ultimo riconosciuto come un’istituzione finanziaria senza scopo di lucro con lo scopo di erogare prestiti di limitata entità a condizioni più favorevoli rispetto a quelle di mercato a fronte di un pegno che valesse almeno un terzo in più della somma che si voleva fosse concessa in prestito. Il Monte di Pietà di Siena (il nome di per sé dice tutto) per la sua stessa caratteristica si rivolgeva pertanto alla popolazione della città senese, dove molti vivevano in condizioni di pura sussistenza ed il fruitore tipo era quasi sempre un povero contadino che non aveva nulla da impegnare se non beni indispensabili alla sua attività, come sementi e utensili da lavoro.

Per chi non lo sapesse i Paschi che trovate nella denominazione della banca senese odierna erano allora proprio i pascoli di Siena. Solo nel 1580 il Monte dei Paschi di Siena diventa a tutti gli effetti banca pubblicainiziando a svolgere sia funzioni di credito fondiario che di esattoria pubblica. Pertanto i veneziani iniziarono a operare come banchieri di diritto pubblico molto prima rispetto a tutti, genovesi compresi. Il Banco del Giro a Venezia garantiva anche di poter effettuare pagamenti tra i suoi creditori con una semplice partita di giro (da cui il nome) non quindi mediante la sola consegna fisica di moneta contante, ma semplicemente registrando contabilmente le poste di giro sui libri contabili della banca veneziana. Il Banco del Giro era in definitiva sia un banco di deposito, prestito e giro di partita contabile in cui i depositi iscritti nei suoi libri contabili erano privi di costo, oltre ad essere tutelati dalla legge (quella della Serenissima), la quale garantiva che questi ultimi non potessero per nessuna ragione essere posti sotto sequestro, infine, tenetevi forte, i depositi erano garantiti dalla Repubblica Serenissima contro il fallimento. Cosa accadeva in quell’epoca quando un banchiere diventava insolvente ?

 



Potrebbero interessarti anche...
Ambiente. Australia: i numeri di un’apocalisse
Editoriale
La Redazione 05/01/2020 10:30:10
I micidiali incendi che stanno devastando l’Australia celano dei numeri che ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli