Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: superato il picco ciclico
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 08/11/2018 08:00:52
La storia insegna: così recita un famoso detto, e le similitudini tra le evoluzioni di prezzo attuali del Petrolio e quelle avvenute in passato potrebbero fornirci alcuni indizi utili a comprendere cosa potrebbe accadere in futuro.

 

La storia insegna: così recita un famoso detto, e le similitudini tra le evoluzioni di prezzo attuali del Petrolio e quelle avvenute in passato potrebbero fornirci alcuni indizi utili a comprendere cosa potrebbe accadere in futuro.

Il mercato petrolifero è fortemente ciclico e, nonostante non siano mai presenti due cicli uguali, spesso le caratteristiche che questi evidenziano sono simili: nel dettaglio, in questo articolo vengono prese in considerazione le similitudini tra il recupero dei prezzi dopo la crisi più recente (tra il 2014 ed il 2015) ed il recupero avvenuto dopo le crisi precedenti (2008 - 2009 e 1997 - 1998).

I prezzi a pronti (spot) ed i calendar spread mostrano movimenti ciclici strettamente correlati con il mercato, in un’alternanza di periodi connotati da fornitura ridotta ed in eccesso.

Grafico Reuters

Il calendar spread a sei mesi relativo al Brent pare aver raggiunto un picco ciclico di rilievo nel mese di aprile 2018, completando un rialzo dopo la depressione post-crisi nel mese di gennaio 2015, prima dell’avvio di un trend fortemente ribassista.

Per quanto concerne i prezzi spot, la stessa dinamica osservata nel calendar spread parrebbe essersi verificata nel mese di ottobre 2018, nei primi giorni: attualmente sarebbe prematuro affermare quanto appena detto con certezza, ma quel che è certo è che hedge funds ed altri gestori hanno liquidato buona parte delle posizioni rialziste proprio in questo periodo.

Grafico Reuters

Nella recente ripresa i calendar spread del Brent hanno impiegato 39 mesi per passare dai minimi ai livelli di picco, una condizione ragionevolmente paragonabile ai recuperi avvenuti tra il 1998 ed il 2000 (21 mesi) e tra il 2009 ed il 2011 (33 mesi); in riferimento ai prezzi spot abbiamo un lasso temporale di 33 mesi, anche questo paragonabile con quello del periodo 1998 - 2000 (22 mesi) e con quello del periodo 2008 - 2011 (28 mesi).

In queste condizioni, i prezzi del Petrolio, gli spread e le reazioni di produttori e consumatori suggeriscono che il mercato ha superato il livello di picco dopo la caduta del periodo 2014 - 2015.

 

A seguire - Riequilibratura del mercato


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli