Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, sale la tensione in Medio Oriente: Naftali Bennett mostra i muscoli



Gabriele Picello Articolo pubblicato il 02/08/2021 12:00:00
I funzionari USA concordano con Israele nell’attribuire all’Iran la paternità dell’attacco che ha causato due vittime

 

Naftali Bennett, primo ministro israeliano, sta mostrando una certa grinta, e proprio nella giornata di oggi ha attaccato apertamente l’Iran accusandolo di essere l’unico responsabile dell’attacco ad una petroliera legata ad Israele; l’attacco, effettuato al largo dell’Oman nella giornata di giovedì, è costato la vita ad alcuni membri dell’equipaggio.

“Voglio dire che l’Iran è inequivocabilmente il responsabile dell’attacco alla nave - così inizia la dichiarazione di Naftali Bennett - ed ora ci aspettiamo che la comunità internazionale chiarisca al regime iraniano che ha commesso un terribile errore.  Noi abbiamo i nostri modi per portare questo messaggio all’Iran…”.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett

I funzionari USA concordano con Israele nell’attribuire all’Iran la paternità dell’attacco che ha causato due vittime - due operatori, uno rumeno ed uno britannico - che risultano essere le prime, in anni, in questo instabile tratto di navigazione.  Gli esperti della marina militare americana affermano che il vascello sia stato colpito da un drone.

 

La smentita

L’Iran, da parte sua, non perde tempo e subito smentisce con forza - ma nemmeno troppa… - le dichiarazioni del successore di Benjamin Netanyahu, con il ministro degli esteri, Saeed Khatibzadeh, che afferma: “Israele dovrebbe smettere di lanciare accuse come questa contro l’Iran: non è la prima volta che succede”.

Negli ultimi mesi Iran ed Israele sono entrati più volte in conflitto proprio a seguito di attacchi contro navi e tutto questo accade mentre le potenze mondiali stanno lavorando alacremente al fine di ripristinare l’accordo sul nucleare con l’Iran stipulato sotto ai tempi dell’amministrazione Obama e poi abbandonato con l’avvento di Donald Trump nelle vesti di presidente degli Stati Uniti.  Israele si è sempre dichiarato contrario alla revoca delle sanzioni che attualmente gravano su Teheran ed al ripristino dell’accordo in oggetto.

 

I fatti

La Mercer Street, la petroliera interessata dall’attacco, stava navigando prova di carico da Dar es Salam, in Tanzania, a Fujairah, negli Emirati Arabi Uniti, spiegano i funzionari di Zodiac Maritime Ltd., ovvero la società responsabile della gestione del vascello.

Zodiac è controllata dal magnate immobiliare e armatoriale Eyal Ofer che si propone come una tra le persone più ricche di Israele, con un patrimonio netto di 11,3 miliardi di dollari.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli