Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: le scorte USA offrono una speranza alla OPEC, ma anche un avvertimento…
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 19/11/2020 18:00:00
Una volta terminata la fase di manutenzione sarà possibile assistere ad un veloce aumento dei tassi di lavorazione - quindi a partire dal secondo trimestre 2021 - e questo potenziale aumento sarà un altro buon motivo per indurre la OPEC+ a posticipare ogni aumento della produzione di tre mesi, ossia a marzo 2021.

 

I tagli alla produzione OPEC+ ed un rallentamento marcato nel tasso operativo delle raffinerie stanno determinando la progressiva normalizzazione delle scorte statunitensi di petrolio in un contesto che vede il mercato petrolifero dirigersi verso un riequilibrio, ma, questa medaglia, come tutte, del resto, ha anche un rovescio poco gradevole, rappresentato, in questo caso, dal permanere delle scorte di greggio e distillati al di sopra della media quinquennale di riferimento, con le raffinerie che dovranno per forza di cose mantenere un approccio disciplinato almeno fino a marzo al fine di evitare pressioni a ribasso sui prezzi.

I dati diffusi dalla Energy Information Administration nella passata settimana mostrano che le scorte di greggio e distillati sono diminuite di 11 milioni di barili nella passata ottava e di 96 milioni di barili nelle ultime 16 settimane, ma rimangono superiori del 7% rispetto alla media quinquennale, seppur in forte calo rispetto al +14% di metà luglio; le scorte commerciali di petrolio sono diminuite in 15 delle ultime 16 settimane, un elemento che evidenzia la presenza di un mercato scarsamente fornito. 

La carenza di offerta sta gradualmente invertendo la precedente sovrapproduzione e, nel caso in cui il tasso di drenaggio attuale delle scorte dovesse mantenersi inalterato, la Energy Information Administration prevede un ritorno a ridosso della media quinquennale verso la fine di febbraio 2021, ma questo impone che la seconda ondata di coronavirus, e le conseguenti restrizioni, non abbiano un ulteriore impatto negativo sul consumo di greggio nei prossimi mesi.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli