Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: la prima volta degli USA
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 08/01/2021 09:00:00
“Il fatto che le importazioni USA di greggio saudita siano state azzerate rappresenta senza dubbio un evento storico, ma è probabile che si tratti semplicemente di una sorta di aberrazione imputabile al basso tasso operativo delle raffinerie ed ai tagli alla produzione messi in campo dalla OPEC+” (Karim Fawaz, direttore ricerca ed analisi settore energy presso IHS Markit).

 

Nella passata settimana, per la prima volta in 35 anni, gli Stati Uniti non hanno importato greggio saudita, una vera e propria inversione di tendenza, rispetto a pochi mesi fa, quando il Regno minacciò di sconvolgere l’industria petrolifera americana con una marea nera di esportazioni in un mercato distrutto dalla pandemia di coronavirus.

L’indipendenza dal petrolio mediorientale è stato il sogno di ogni amministrazione americana sin dall’epoca Carter, nel 1977; solamente 12 anni fa le raffinerie USA  importavano regolarmente circa 1 milione di barili al giorno di greggio dall'Arabia Saudita, il secondo più grande fornitore degli Stati Uniti dopo il Canada, ma da allora, nel giro di tre mandati presidenziali, quel flusso è stato azzerato e questo rischia di indebolire il legame che da decenni unisce Riyadh e Washington.

Secondo i dati diffusi dalla Energy Information Administration questa è la prima volta, dal 2010, in cui l’America non riceve greggio saudita, ma l’analisi dei dati su base mensile mostra che, in realtà, si tratta della prima volta dal 1985.

“Il fatto che le importazioni USA di greggio saudita siano state azzerate rappresenta senza dubbio un evento storico, ma è probabile che si tratti semplicemente di una sorta di aberrazione imputabile al basso tasso operativo delle raffinerie ed ai tagli alla produzione messi in campo dalla OPEC+” (Karim Fawaz, direttore ricerca ed analisi settore energy presso IHS Markit).

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli