Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: l’Iraq attacca il Cartello
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 27/11/2020 08:00:00
Ali Allawi ha affermato di non parlare a nome del ministro del petrolio, l’unico autorizzato a prendere decisioni in merito alle questioni OPEC, ma i suoi commenti sono la chiara evidenza del protrarsi delle ben note spaccature interne al Cartello

 

A pochi giorni dal meeting dove verrà deciso se protrarre, o meno, i tagli alla produzione attualmente in essere, l’Iraq ha lanciato quella che potremmo definire una vera e propria invettiva contro la OPEC.

Secondo il ministro delle finanze iracheno Ali Allawi (nell’immagine a seguire), il Cartello dovrebbe tenere in considerazione le condizioni politiche ed economiche degli stati membri, nel momento di decidere la strategia produttiva, e non adottare provvedimenti univoci per tutti i produttori.

“Abbiamo raggiunto il limite di sopportazione, ed al limite è la nostra capacità e volontà di accettare una politica comune: la strategia deve essere più variegata, correlata al reddito pro capite delle popolazioni interessate, deve essere legata alla presenza di fondi sovrani, e noi stiamo iniziando ad articolare una posizione di questo tipo” (A. Allawi).

 

L’economia irachena

Ali Allawi ha affermato di non parlare a nome del ministro del petrolio, l’unico autorizzato a prendere decisioni in merito alle questioni OPEC, ma i suoi commenti sono la chiara evidenza del protrarsi delle ben note spaccature interne al Cartello, ed un altro esempio sono gli Emirati Arabi Uniti, che starebbero, almeno stando alle indiscrezioni giunte ai media, valutando la convenienza dell’appartenere alla OPEC.

La OPEC può davvero crollare? La sfida degli Emirati

L'Iraq, il più grande produttore del gruppo dopo l'Arabia Saudita, sta vacillando per il crollo dei prezzi del petrolio provocato dal coronavirus, e, sebbene tutti i membri abbiano sofferto, la posizione dell'Iraq è la peggiore, con il governo che lotta per pagare insegnanti e dipendenti pubblici mentre le piazze sempre più frequentemente sono teatro di manifestazioni di massa.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli