Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: il grande crollo di aprile? Nessuno ha capito cosa sia accaduto…
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 25/11/2020 18:00:00
Nel mese di agosto Bloomberg News ha riferito che la CFTC, la Financial Conduct Authority del Regno Unito e CME Group stavano esaminando se la londinese Vega Capital London abbia tenuto una condotta scorretta che ha condotto i trader della società a guadagnare ben 500 milioni di dollari nella sola giornata del 20 aprile

 

Il governo degli Stati Uniti ha da tempo avviato un’indagine al fine di comprendere quali siano state le cause che hanno determinato il crollo delle quotazioni del petrolio a -37 dollari nel mese di aprile 2020.

Sicuramente è un evento a dir poco storico che noi tutti ricordiamo, ma chi sperava di avere una risposta convincente dall’indagine in oggetto è destinato a rimanere profondamente deluso, in quanto lo studio non ha chiarito praticamente nulla…

L’analisi dei fatti condotta dalla Commodity Futures Trading Commission (CFTC) ha evidenziato un mix di fattori che ha condotto al crash in oggetto, ma si tratta, sostanzialmente, di elementi che già conoscevamo, ovvero l’eccesso di offerta di petrolio, la domanda assente a causa della pandemia di coronavirus e la difficoltà a reperire siti di stoccaggio ove immagazzinare l’oro nero.

Grafico WTI by Tradingview

Questi elementi, tuttavia, sono stati citati per mesi, e noi lo sappiamo bene, ragion per cui aziende di settore, traders ed operatori di settore in generale sono ancora all’oscuro di quanto sia accaduto in quella tragica giornata.

Nel pubblicare l'attesissimo documento, la Commodity Futures Trading Commission ha candidamente ammesso che potrebbe non essere all'altezza delle aspettative, anche se il presidente della CFTC, Heath Tarbert, ha affermato che l'agenzia sta cercando di essere il più disponibile possibile nel rivelare le informazioni in suo possesso (lo stesso Tarbert ha definito il report come “provvisorio”).

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli