Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: il dollaro forte fa affondare il barile



La Redazione Articolo pubblicato il 27/09/2022 09:00:00
I dati della scorsa settimana hanno mostrato che l'OPEC+ ha mancato il suo obiettivo di 3,58 milioni di barili al giorno ad agosto, un calo maggiore rispetto a luglio

 

Nella sessione di ieri, lunedì 26 settembre 2022, i prezzi del petrolio sono crollati ai livelli più bassi degli ultimi nove mesi, con gli operatori di settore che si trovano ad affrontare un mercato sempre più volatile contraddistinto da un dollaro in forte rialzo e dall’attesa delle notizie in merito a nuove sanzioni contro la Russia.

Sia il petrolio Brent che il WTI hanno terminato la sessione lasciando sul parterre oltre il 2%, con il primo che ha terminato gli scambi ad 82,7 dollari per barile (livello più basso dal 14 gennaio) ed il secondo che ha posto fine alle contrattazioni a ridosso dei 76,5 dollari per barile (livello più basso dal 6 gennaio); sia il Brent che il WTI avevano iniziato la sessione in territorio positivo dopo il pesante calo della passata ottava.

Il dollar index ha raggiunto il livello più elevato degli ultimi 20 anni mettendo sotto pressione la richiesta di petrolio che, come ben sappiamo, viene scambiato in divisa statunitense ed a questo proposito numerosi analisti affermano che, in presenza di un biglietto verde così forte, difficilmente potremo osservare un recupero dei prezzi del barile.

Gli aumenti dei tassi di interesse da parte delle banche centrali in numerosi paesi consumatori di petrolio hanno sollevato i timori di un rallentamento economico che potrebbe comprimere la domanda di petrolio: “Con sempre più banche centrali costrette ad adottare misure straordinarie indipendentemente dal costo per l’economia - spiega Craig Erlam, analista di mercato presso Oanda -  la domanda subirà un colpo che potrebbe aiutare a riequilibrare il mercato petrolifero”.

L’attenzione del mercato è ora rivolta al 5 ottobre, quando si incontreranno i produttori OPEC+ al fine di decidere la strategia produttiva: nel precedente incontro era stato implementato una lieve riduzione della produzione, tuttavia, la coalizione sta già pompando greggio al di sotto dei target previsti, ragion per cui un ulteriore riduzione potrebbe avere un impatto limitato sul mercato.

I dati della scorsa settimana hanno mostrato che l'OPEC+ ha mancato il suo obiettivo di 3,58 milioni di barili al giorno ad agosto, un calo maggiore rispetto a luglio.

 

Fonte Reuters 

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli