Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: il Re punta a 200 dollari!



La Redazione Articolo pubblicato il 17/01/2022 09:00:00
“Crediamo nel palesarsi di un’inflazione strutturale delle materie prime dal lato dell’offerta mai vista in precedenza, la più alta dagli anni ’70 - spiega King - e solo l’OPEC prova a reagire ma, ogni mese, questa reazione è sottodimensionata”.

 

Un hedge fund gestito da Doug King, trader in materie prime, ha registrato un vero e proprio incremento record, nel 2021, grazie all’aumento generalizzato dei prezzi delle materie prime: nel dettaglio, l’hedge fund di cui stiamo parlando è il Merchant Commodity Fund, che ha registrato un aumento del 74% che letteralmente obnubila il precedente record (+54%) stabilito dal fondo nel 2014.

King, 55 anni, fa parte di un gruppo di gestori di hedge fund, tra cui Pierre Andurand, che l'anno scorso ha realizzato enormi profitti dalle materie prime grazie al recupero dell’economia dopo il disastro indotto dalla pandemia e grazie alla diffusa carenza di offerta di numerose commodities, una performance che si riflette anche nell’evoluzione del Bloomberg Commodity Spot Index, che tiene traccia dei futures su energia, metalli e colture, che ha archiviato il 2021 con un balzo del 27%, il massimo in oltre un decennio.

Il petrolio è salito di oltre il 50%, nel 2021, sino a raggiungere gli 80 dollari per barile e, in questi primi  giorni del 2022, ha messo a segno un ulteriore rialzo del 10%: King sostiene che presto il barile potrebbe raggiungere i 100 dollari con un possibile picco a 200 dollari nei prossimi 5 anni a causa della carenza di investimenti nel settore atti a reperire nuova fornitura ed a mantenere quelle esistenti.

“Crediamo nel palesarsi di un’inflazione strutturale delle materie prime dal lato dell’offerta mai vista in precedenza, la più alta dagli anni ’70 - spiega King - e solo l’OPEC prova a reagire ma, ogni mese, questa reazione è sottodimensionata”.

La OPEC+ sta gradualmente aumentando la produzione di greggio dopo aver effettuato un taglio di 10 milioni di barili giornalieri nel 2020: il gruppo dovrebbe aumentare la produzione di 400000 barili giornalieri, ma molti produttori membri non sono in grado di fornire l’aumento richiesto: “In pratica, molto meno petrolio si sta facendo strada sul mercato - continua King - i membri OPEC+, semplicemente, non sono in grado di tornare ai livelli di produzione pre-covid. Tutto questo è dovuto alla mancanza di investimenti”.

King spiega che l’unica reale capacità inutilizzata della OPEC+ si può individuare in Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Kuwait: “Non è un segreto di stato che la Russia sta già producendo a pieno regime e, se non il mese prossimo, entro aprile potrebbe non aver più barili da fornire al mercato”.

Il diffondersi della variante Omicron potrebbe rallentare la crescita economica, questo è vero, ma molti analisti concordano con la view rialzista di King e tra questi troviamo quelli di Goldman Sachs, decisamente rialzisti in virtù della esigua capacità inutilizzata disponibile a mercato.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli