Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: gli USA non prevedono un intervento saudita a breve termine



La Redazione Articolo pubblicato il 18/07/2022 09:00:00
“La decisione di aumentare la produzione di petrolio è soggetta a diversi fattori e considerazioni e non dipende da una richiesta degli Stati Uniti - spiega Abdulaziz Sager, presidente del Gulf Research Center di Riyadh - ci sono complicazioni tecniche, politiche ed economiche legate a quella decisione”.

 

Gli Stati Uniti non si aspettano che l'Arabia Saudita aumenti immediatamente la produzione di petrolio e attendono l’esito del meeting OPEC+ del 3 agosto per avere un quadro maggiormente chiaro della situazione: questo è quanto afferma il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che spiega: “Non credo che dovremmo attenderci un annuncio bilaterale - le dichiarazioni sono state rilasciate durante la visita del presidente Joe Biden in Arabia Saudita - perché riteniamo che qualsiasi ulteriore azione intrapresa per garantire che ci sia energia sufficiente per proteggere la salute dell'economia globale, sarà presa in ambito OPEC+”.

Il presidente degli Stati Uniti si è recentemente recato in visita nel Regno al fine di ripristinare le relazioni degli USA con l’Arabia Saudita e, durante gli incontri, temi come l'approvvigionamento energetico, i diritti umani e la cooperazione in materia di sicurezza sono stati all’ordine del giorno.

Anche se non fornirà un aumento della produzione di petrolio nel breve periodo, a medio termine il ruolo dell’Arabia Saudita sarà fondamentale in quanto, insieme agli Emirati Arabi Uniti, detiene la maggior parte della capacità inutilizzata all'interno del gruppo OPEC+.

I prezzi del petrolio Brent scambiano a ridosso dei 100 dollari per barile dopo aver registrato un massimo pluriennale toccando, nel mese di marzo, i 139,1 dollari per barile con gli investitori che, ora, tentano di stimare l’impatto sulla domanda derivante dal ritorno del covid in Cina - maggior importatore globale - e dei crescenti timori per una possibile recessione.

"L'Arabia Saudita preferisce gestire il mercato attraverso la OPEC+ e non tramite azioni unilaterali - spiega Ben Cahill, ricercatore presso il Center for Strategic and International Studies - il ministro dell'Energia saudita Abdulaziz bin Salman ha costantemente sottolineato l'importanza della coesione dell'OPEC+, compreso un ruolo centrale per la Russia”, una posizione, quella descritta da Cahill, condivisa dagli Emirati Arabi Uniti.

Gli Stati Uniti sono ansiosi di vedere l'Arabia Saudita e i suoi partner OPEC pompare più petrolio per contribuire a ridurre l'alto costo della benzina e l'inflazione USA, che ha raggiunto i livelli più elevati degli ultimi 40 anni: “La decisione di aumentare la produzione di petrolio è soggetta a diversi fattori e considerazioni e non dipende da una richiesta degli Stati Uniti - spiega Abdulaziz Sager, presidente del Gulf Research Center di Riyadh - ci sono complicazioni tecniche, politiche ed economiche legate a quella decisione”.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli