Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC: questo trimestre sarà un disastro
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 18/05/2020 05:00:00
"I rapidi adeguamenti dell'offerta nell'affrontare l'attuale acuto squilibrio nel mercato petrolifero globale hanno già iniziato a mostrare una risposta positiva, con un ribilanciamento che dovrebbe riprendersi più rapidamente nei prossimi trimestri” (dichiarazione rilasciata dai tecnici OPEC).

 

I tecnici OPEC hanno nuovamente ridotto le stime per la domanda mondiale di petrolio, ed hanno affermato che il trimestre in corso sarà quello che vedrà il declino peggiore, e questo anche a fronte dell’allentamento del lockdown in alcuni paesi.

L’OPEC si attende ora una contrazione della domanda globale di greggio pari a 9,07 milioni di barili giornalieri, ossia il 9,1% della richiesta globale annua nel 2020 (nel mese passato tale contrazione era attesa a quota 6,85 milioni di barili giornalieri.

Il blocco introdotto dai governi al fine di arginare la diffusione del virus ha innescato un crollo nelle quotazioni del petrolio, e se è vero che in alcune nazioni europee ed asiatiche il lockdown è in fase di allentamento, alcuni nuovi focolai del virus mantengono la tensione a livelli elevati e questo limita le possibilità di rialzo dei prezzi del barile.

Grafico Brent by Tradingview

Al fine di far fronte al calo della richiesta OPEC e produttori alleati hanno concordato una nuova riduzione della produzione attivo ormai dal 1° maggio ed in questo senso, almeno secondo i tecnici OPEC, si stanno già osservando i primi risultati positivi a mercato.

"I rapidi adeguamenti dell'offerta nell'affrontare l'attuale acuto squilibrio nel mercato petrolifero globale hanno già iniziato a mostrare una risposta positiva, con un ribilanciamento che dovrebbe riprendersi più rapidamente nei prossimi trimestri” (dichiarazione rilasciata dai tecnici OPEC).

In termini di prezzo, il Brent mostra un buon recupero delle quotazioni del barile, risalendo a ridosso dei 30 dollari dopo aver toccato il livello più basso in 21 anni scendendo al di sotto dei 16 dollari per barile nel mese di aprile.

Il calo della domanda vedrà il picco nel trimestre in corso, con una contrazione di 5,4 milioni di barili giornalieri; permangono rischi a ribasso per il consumo di Stati Uniti, Europa e Corea del Sud.

"I blocchi totali o parziali attualmente imposti creano ulteriori sostanziali rischi al ribasso per la crescita della domanda di petrolio degli Stati Uniti - spiegano i tecnici OPEC - e permangono ulteriori rischi al ribasso riguardanti la tempistica della revoca di ampi blocchi, nonché il modo in cui specifici settori economici, come il trasporto aereo ed i servizi, appariranno in seguito”.

 

A seguire - Fornitura in aumento



Potrebbero interessarti anche...
ETF e Petrolio: perché erano, e sono, un rischio enorme!
Materie Prime
La Redazione 24/04/2020 08:00:00
“In questo momento c’è un enorme costo nello spostare le posizioni ... leggi tutto
Petrolio: la realtà è peggio di quanto possiamo pensare
Materie Prime
La Redazione 26/03/2020 08:00:00
“Il mercato fisico è in sofferenza, è c’è ancora molto dolore ... leggi tutto
Speciale Petrolio. Attenzione: a luglio potrebbe essere Deficit!
Materie Prime
La Redazione 16/05/2020 10:30:00
La performance migliore rimane quella dei distillati, con un volume medio ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli