Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC: nel 2023 la crescita della domanda perderà di tono



La Redazione Articolo pubblicato il 13/07/2022 09:00:00
“Nel 2023 - spiegano i tecnici OPEC - le aspettative per una sana crescita economica globale in un contesto contraddistinto da un miglioramento degli sviluppi geopolitici combinato con i progressi del contenimento del covid in Cina dovrebbero indurre un aumento nel consumo di petrolio”.

 

Nel 2023 la domanda mondiale di petrolio continuerà ad aumentare, ma ad un ritmo più lento rispetto a quello osservato nel 2022: questo è quanto affermano i tecnici OPEC citando una crescita economica ancora robusta e progressi nel contenimento del covid in Cina.  In un rapporto diffuso nella giornata di ieri la OPEC ha affermato che prevede un aumento della domanda di 2,7 milioni di barili al giorno nel 2023, mentre sono rimaste invariate le stime sulla crescita della domanda di greggio nel 2022 a 3,36 milioni di barili giornalieri.

Il consumo di petrolio ha ripreso quota dopo il crollo indotto dalla pandemia nel 2020 e, quest’anno, potrebbe superare i livelli del 2019.  Le prospettive per il 2023 suggeriscono che una certa tensione sull'offerta potrebbe persistere poiché la crescita della produzione extra OPEC, stata colpita dalle perdite russe, dovrebbe rallentare l'aumento della domanda: “Nel 2023 - spiegano i tecnici OPEC - le aspettative per una sana crescita economica globale in un contesto contraddistinto da un miglioramento degli sviluppi geopolitici combinato con i progressi del contenimento del covid in Cina dovrebbero indurre un aumento nel consumo di petrolio”.

Le stime OPEC relative alla domanda di greggio nel 2023 sono più ottimistiche di quelle della International Energy Agency (IEA) e partono dal presupposto che non vi sarà una escalation nel conflitto tra Russia ed Ucraina e che fattori di rischio come l’inflazione non influiranno negativamente sulla crescita economica globale; la OPEC ha mantenuto la previsione di crescita economica globale di quest'anno al 3,5% e una crescita prevista del 3,2% nel 2023.

Le prospettive di offerta per il 2023 suggeriscono che il mercato potrebbe rimanere teso; la OPEC prevede che l’offerta esterna al Gruppo aumenterà di 1,7 milioni di barili al giorno, con un ritardo nella crescita della domanda e un rallentamento rispetto al 2022 e, di conseguenza, l'OPEC prevede che il mondo avrà bisogno di 30,1 milioni di barili al giorno di petrolio OPEC, nel 2023, al fine di bilanciare il mercato, con un incremento di 900000 barili giornalieri rispetto al 2022.  Le precedenti stime potrebbero essere un forzatura, dal momento che la OPEC+ ha lottato per mantenere gli aumenti della produzione promessi nel 2022.

La capacità di produzione inutilizzata nell'OPEC è stata assottigliata da investimenti insufficienti nei giacimenti petroliferi da parte di alcuni membri e, inoltre, ad aumentare lo scetticismo sulle possibili performance future troviamo una produzione saudita inferiore alla quota spettante nonostante i prezzi elevati.

Secondo il recente report OPEC, la produzione del Cartello si attesta, nel mese di giugno, a 28,72 milioni di barili giornalieri (+234000 barili giornalieri) con la crescita guidata da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.  Si prevede che gli Stati Uniti forniranno il contributo maggiore all’offerta extra OPEC, nel 2023, ebbene non sia prevista un'accelerazione nella crescita dello shale oil.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli